Pellicce tossiche e cancerogene: nuovo allarme per i bambini (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova indagine shock sulla correlazione tra pellicce e rischio tossicità per la salute dei bambini. I test eco-tossicologici effettuati in Danimarca dall’associazione Anima su alcuni abiti per bambini (condotti dal laboratorio tedesco Intertek) hanno rilevato la presenza di sostanze tossiche e cancerogene provenienti dalle lavorazioni cui sono sottoposte le pellicce animali.

I capi analizzati sono prodotti da marche molto diffuse in Danimarca: Canada Goose, completo neve (per bambino di 18-24 mesi di età); Ver de Terre, completo neve (18 mesi); Sofie Schnoor, capospalla (4 anni); Bahne, cappello (3 anni); Bahne, giacca (per adulto); Modström, giacca (adulto). Nelle componenti in pelliccia, i test hanno rilevato, la presenza delle seguenti sostanze:

  • FORMALDEIDE, che causa allergie ed è cancerogena (presente in tutti gli articoli);
  • CROMO TRIVALENTE, che può causare allergie (presente in 4 articoli su 6);
  • CROMO ESAVALENTE, un noto cancerogeno (presente in 2 articoli su 6);
  • IDROCARBURI POLICICLICI AROMATICI (presente in 2 articoli su 6).

verdeterre

canadagoose

gucci

“E ‘spaventoso sapere che gli abiti fatti per i bambini possano contenere molte sostanze chimiche e tossiche. Non credo che ci siano molti genitori che sono a conoscenza di ciò. La cosa migliore per proteggere se stessi è, ovviamente, evitare la pelliccia – spiega Joh Vinding di Anima, aggiungendo: “La legislazione comunitaria sui prodotti chimici è stata criticato per non aver protetto abbastanza la salute dei cittadini e, pertanto, spetta alla coscienza aziendale limitare o eliminare l’uso di queste sostanze chimiche, per quanto possibile – a prescindere dalla normativa”.

Si tratta di esiti analoghi a quelli delle due indagini “Toxic Fur”, la seconda delle quali, diffusa dalla LAV lo scorso 15 dicembre, ha rilevato la presenza di sostanze tossiche e cancerogene in capi bimbo di D&G (36 mesi, Cromo esavalente ed elevati valori di Cromo trivalente), Blumarine Baby (36 mesi, Formaldeide ed elevati valori di Cromo trivalente), Woolrich (24 mesi, Formaldeide, elevati valori di Cromo trivalente e Nonilfenolo Etossilato).

A seguito della precedente indagine condotta dalla LAV nel 2013, il Ministero della Salute intervenne bloccando temporaneamente la vendita dei capi indagati (delle marche Il Gufo, Miss Blumarine, Fix Design, Gucci, Brums) e successivamente emettendo provvedimenti di ritiro definitivo dal mercato.

“La produzione di pellicce implica spesso l’utilizzo di sostanze chimiche che sono classificate come tossiche e cancerogene. È inevitabile che sul prodotto finito, acquistato ed indossato, si possano trovare residui di queste sostanze in concentrazioni anche pericolose per la salute delle persone – commenta Simone Pavesi Responsabile LAV Campagna Pellicce – per questo motivo sollecitiamo il Ministero della Salute a fornire al più presto delle risposte certe per i consumatori”.

I capi testati sono di fatto ancora disponibili sul mercato, con un possibile rischio per la salute dei cittadini, in questo caso, dei bambini.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Fashion Is Toxic: sostanze tossiche negli abiti griffati per bambini Made In Italy

Moda baby: ancora sostanze tossiche e cancerogene nelle pellicce dei cappottini di marca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook