O Bag: le borse crudeli con bordo in pelliccia vera

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

O Bag, le coloratissime borse di FullSpot sono ormai sulla spalla di tutte o quasi. In silicone e con la possibilità di scegliere qualsiasi colore, le O Bag spopolano dal 2009. Peccato però che la moda, anche in questo caso, non abbia per nulla guardato all’etica. E tra le tante possibilità di personalizzazione offerte dalle O Bag c’è anche quella che prevede un bordo in pelliccia vera.

Se ne poteva fare tranquillamente a meno visto che, comunque, le O Bag risultano ormai affermate e amate dal grande pubblico femminile. Ma questa giovane azienda probabilmente ha pensato di accontentare anche chi ancora vede nella pelliccia qualcosa di fashion.

Ed è così che ad arricchire le borse sono le pellicce dei conigli (lapin, come indica la stessa FullSpot). Per chi avesse dubbi, l’azienda scrive:

“Bordo in vera pelliccia di Lapin per rivestire O bag, in versione invernale. La scocca si ricopre di morbido pelo per la fredda stagione”.

Morbido pelo, ottenuto con macabri interventi (VEDI Angora: la terribile verità sulla lana dei conigli). Senza contare che solo il bordo in pelliccia ha un costo non da poco, semmai questo fosse in qualche modo rilevante.

Alcuni blog stanno lanciando iniziative di boicottaggio invitando a non acquistare le borse O Bag o ancora a scrivere una lettera all’azienda, invitandola a utilizzare pellicce sintetiche risparmiando la vita a questi poveri animali, sacrificati in nome della moda.

Ecco uno schema di mail/lettera tipo fornita dalla blogger Carmen Luciano, da inviare a [email protected] e [email protected]

Gentile azienda Full Spot,

vi scrivo questa mail per esternarvi la mia disapprovazione in merito alla vostra scelta di inserire bordi in pelliccia vera e in lana alle borse che disegnate e vendete.

Scegliere di applicare delle bordature in pelliccia vuol dire stare dalla parte dell’allevamento di animali destinati a morire in modo atroce per essere privati della propria pelle.

Tutto questo non lo si può tollerare da un’azienda così giovane che dovrebbe puntare al progresso e non al regresso.

La bordatura realizzata con i resti degli animali è veramente evitabile.

Avete, nella linea O Bag, anche bordi in pelliccia sintetica. Vi invito gentilmente a continuare nell’inserimento di quelli cercando di eliminare al più presto dai vostri articoli materiale derivato dal corpo degli animali.

Rimango in attesa di un vostro riscontro.

Dal canto sua, l’azienda precisa di “operare nel pieno rispetto delle normativa europee” e di “utilizza prevalentemente animali provenienti dalla catena alimentare”. Come se ci fosse una sofferenza di serie A e una di serie B (LEGGI CARNE DI CONIGLIO IN EUROPA: TUTTO L’ORRORE CHE NON VOGLIONO FARVI VEDERE).

Noi comunque lo ribadiamo. Mai più uccisioni in nome della moda.

AGGIORNAMENTO 10/11/2016

A partire dalla collezione autunno-inverno 2016/17 i prodotti a marchio O bag non conterranno pelliccia animale. L’azienda lo scorso Luglio ha finalmente deciso di integrare le politiche di responsabilità sociale adottando strategie commerciali rispettose degli animali. Un impegno intrapreso in collaborazione con LAV (Lega Anti Vivisezione) tramite l’adesione al Fur Free Retailer Program www.furfreeretailer.com della Fur Free Alliance. Al fine di assicurare il rispetto degli impegni assunti, l’azienda si impegna a richiedere ai propri fornitori adeguate certificazioni che assicurino l’assenza dei materiali di origine animale.

Ma gli articoli delle collezioni precedenti all’autunno-inverno 2016/2017 contenenti vera pelliccia non sono stati ritirarti e saranno ancora in commercio sino a esaurimento. Quindi, purtroppo, vedremo ancora pellicce sulle borse O bag per un po’.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

PELLICCE: PROCIONI SCUOIATI VIVI PER IMBOTTIRE STIVALI CONTRAFFATTI (VIDEO SHOCK)

PELLICCE ‘ETICHÈ? ECCO L’ORRIBILE VERITÀ DELL’INDUSTRIA DELLA MODA EUROPEA

HUGO BOSS: DICE ADDIO ALLE PELLICCE, DA OGGI È FUR-FREE

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook