Lucidare le scarpe con una buccia di banana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Il rapporto tra scarpe e bucce di banana, si sa non è mai stato troppo idilliaco. Come sketch, battute e modi di dire insegnano, onde evitare “cadute di stile” e attacchi di ilarità collettivi, meglio cercare di non far entrare in contatto questi due elementi.

A meno che non vogliate salvaguardare la vostra salute e quella del pianeta. E utilizzare le bucce di banana al posto del lucido per pulire e far brillare le vostre scarpe.

È risaputo, infatti, che i normali lucidi in commercio, non solo sono tossici ma, andrebbero smaltiti come materiali pericolosi perché nella maggior parte dei casi contengono nafta e trementina. Basta leggere le precauzioni che trovate dietro la confezione, per rendervi conto che il lucido da scarpe nuoce gravemente alla salute e all’ambiente.

La banana invece no: può essere tranquillamente ingerita, entrare in contatto con gli occhi e con la pelle senza correre il rischio di chiamare d’urgenza un medico o rimanere macchiati per settimane. E la sua buccia contiene oli e potassio che non solo faranno brillare le vostre scarpe, ma contribuiscono a preservarle da usura e agenti atmosferici.

Come pulire le scarpe con una banana senza danneggiare la salute, l’ambiente e riducendo a zero i rifiuti di imballaggio:

  1. Mangiare la banana;
  2. strofinare l’interno della buccia contro la superficie della scarpa;
  3. lucidare con un panno di cotone morbido;
  4. buttare quel che rimane della buccia nell’apposito secchio per “l’umido” (o se vogliamo proprio essere impeccabili, utilizziamola, tritata, come compost per le nostre piante).

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambienta, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook