Moda shock: guanti “dolorosi” in pelle di squalo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pericolosi come il morso di uno squalo. Sono i guanti creati dal designer Sruli Recht, provvisti di migliaia di ami che, una volta introdotta la mano, la trafiggerebbero al primo tentativio di rimuoverla. Degno di uno dei peggiori meccanismi architettati dall’enigmista della saga di film horror “Saw”, questo accessorio riserva una sorpresa ancora più cruenta: è realizzato con pelle di squalo.

Dall’esterno, l’oggetto di “alta moda” si presenta come un piacevole e morbido paio di guanti in pelle, ma c’è una sorpresa spinosa all’interno per aspiranti indossatori. L’eccentrico designer ha inserito, infatti, migliaia di ganci affilati, indirizzati verso l’interno. Ciò significa che i guanti sono facili da indossare, ma letteralmente “dolorosi” da togliere.

“Quando si infila la mano, si scopre che le spine, tutte dirette verso l’interno, la bloccano come decine di migliaia di ami da pesca. Se si tenta di rimuoverla, le migliaia di spine morderanno la pelle. Potete mettere i guanti, ma rimuoverli significherebbe tagliarsi. Questi sono guanti per la vita – l’impegno ultimo e definitivo”, scrive l’eccentrico designer sul suo sito web.

guanti squalo

E se pensate che la stravagante idea abbia un qualche minimo obiettivo di sensibilizzazione sulla tragica situazione degli squali resterete delusi. Si tratta solo di una macabra invenzione, disponibile al costo di ben 950 dollari. Tanto vale la vita degli squali sacrificati per realizzare l’accessorio. E la salute della mano che, una volta intrappolata, verrebbe liberata solo dopo un doloroso strappo della pelle.

guanti di squalo 2

Come è nata? Lo racconta sempre Sruli Recht: “un giorno fuori il mio studio ho visto un camion che trasportava qualcosa di scintillante. Il mio cervello ha creduto che fossero reti da pesca… Ma una vocina nella mia testa non era d’accordo […]. Ho seguito il camion fino a quando non si è fermato. E cosa c’era sopra? Cinque bestie puzzolenti, enormi, bagnate e morte”. Di “artisti” cruenti ne avevamo già visti altri, ma questo, ahinoi, rischia di superare gli altri…

Roberta Ragni

Photo Credit

LEGGI anche:

Pellicce: procioni scuoiati vivi per imbottire stivali contraffatti (video shock)

Orvillecopter: macabro artista trasforma il suo gatto morto in un elicottero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook