Greenpeace, che macello ! Blitz alla Geox

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa mattina, attivisti di Greenpeace hanno colpito con uno dei famosi blitz la Geox, produttore italiano di calzature. Gli attivisti dell’associazione si sono presentati fuori dalle vetrine del negozio di via Dante a Milano, per esporre striscioni ed una scarpa fumante. La rappresaglia è stata motivata dalle mancate risposte da parte della Geox, relativamente alle accuse contenute nello studio “Amazzonia che macello !” presentato proprio da Greenpeace.
Lo studio, durato tre anni, mette sotto accusa le aziende che con le loro richieste di pelle e di carne, alimentano il disboscamento dell’Amazzonia. Gli allevatori infatti, per far fronte alle crescenti richieste dei prodotti di origine bovina, ricavano pascoli disboscando la foresta. “Abbiamo chiesto a Geox quali misure intende prendere per far sì che le scarpe che produce, oltre a far respirare i piedi, non soffochino l’Amazzonia e il nostro clima. Non abbiamo mai ricevuto risposta”, riferiva Chiara Campione. responsabile della Campagna Foreste di Greenpeace.

La Geox, dopo quattro ore di proteste ha diramato un comunicato in cui si scusa con Greenpeace per non aver fornito le risposte in tempo e promette di farlo ad un tavolo il prossimo lunedì. “Siamo soddisfati di questo piccolo passo, ora ci aspettiamo da Geox impegni concreti” ha dichiarato la Campione.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook