Indossi una pelliccia? Qui non puoi entrare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa volta il cartello “Io qui non posso entrare” non è indirizzato ai nostri amici a quattro zampe, ma a chi indossa una pelliccia.

Anche in Italia, la pelliccia comincia a non essere più vista di buon occhio. A Napoli, la pizzeria Sorbillo lancia un monito chiaro: chi la indossa, non potrà mangiare la pizza.

Stessa identica cosa succede al centralissimo bar Arengo di Monza, dove la proprietaria ha lanciato il monito animalista posizionando un cartello all’entrata del locale.

Messaggi importanti che sottolineano, ancora una volta, l’inutilità di indossare dei capi frutto della violenza sugli animali. Ricordiamo che non esistono pellicce etiche, ma solo alternative in ecopelle che non hanno niente da invidiare alle ‘originali’.

LEGGI anche: PELLICCE DI CANE E GATTO: NUOVA INVESTIGAZIONE CHOC IN CINA (VIDEO)

Ma se a Napoli l’idea è stata salutata con entusiasmo dai più, a Monza non sono mancate le polemiche sul cartello antipellice.

C’è chi addirittura accusa la proprietaria del bar di aver dato luogo a una discriminazione.

E pensare che la donna aveva perfino messo un attaccapanni fuori per lasciare il proprio capo.

Qualcuno non ha accolto l’invito, preferendo prendere il caffè da un’altra parte.

LEGGI anche: PELLICCE ‘ETICHÈ? ECCO L’ORRIBILE VERITÀ DELL’INDUSTRIA DELLA MODA EUROPEA

Si sa il dibattito sulle pellicce scatena sempre opposizioni, com’era successo già nel lontano 2014 quando la discoteca Mahiki, la più cool di Londra, frequentata da star internazionali, aveva vietato l’ingresso ai clienti con pellicce animali. Una svolta di tendenza nel mondo del popolo della notte che spesso, fa dell’abbigliamento uno status symbol.

LEGGI anche: PELLICCE: SOSTANZE TOSSICHE NEI CAPI D’ABBIGLIAMENTO PER BAMBINI. TUTTI I PRODOTTI RITIRATI

Oggi per fortuna anche tanti designer, stilisti e brand scelgono tessuti cruelty-free e una moda sempre più animal friendly.

Noi speriamo sempre che il buonsenso prevalga, senza bisogno di divieti.

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook