Le cucine plastic free che durano una vita

Dalle pannocchie, le borse cruelty-free tutte italiane che salvano gli animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Riaffermando il suo impegno nell’offrire prodotti all’avanguardia di altissima qualità, etici e sostenibili, Miomojo ha lanciato una nuova collezione di borse completamente vegane a base di mais, per dire addio alla pelle, senza rinunciare all’eleganza.

La continua ricerca di materiali innovativi rispettosi dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi è senza dubbio nel DNA di Miomojo. Dopo le sue borse realizzate con tessuti alternativi alla pelle in cactus e mele, l’azienda bergamasca ci sorprende ancora, questa volta con la sua nuova collezione vegan dal design essenziale a base di mais.

Addio alla pelle, benvenuta sostenibilità

Per la qualità, le sue caratteristiche e la sua consistenza, qualsiasi persona potrebbe confondere il Corn Leather con la pelle, persino al tatto. Tuttavia questo materiale, tutto italiano, altamente resistente ed impermeabile, è un esempio di innovazione e buon senso in un percorso etico che si fa urgente, libero dalla crudeltà e con un impatto ambientale notevolmente minore. 

Infatti è realizzato con biopolioli – ricavati da mais OGM free, coltivato in aree selezionate non destinabili all’agricoltura – combinato con poliestere proveniente da bottiglie di plastica riciclate. Per la produzione di 100 lmt di Corn Leather possono essere utilizzate fino a 1200 bottiglie di plastica, con 1mq di Corn Leather si risparmia 1kg di emissioni di CO2 rispetto ad un prodotto tradizionale.

Inoltre, facendo il paragone con un prodotto sintetico, la riduzione della sua impronta è notevole: 13% in meno di riscaldamento globale, 44% in meno di esaurimento di risorse naturali e 34% in meno di riduzione dell’ozono. Per questo, i nuovi modelli di borse di Miomojo rappresentano l’incarnazione ecosostenibile del connubio tra eleganza, stile ed innovazione, perfette per ogni tipo di look, in ogni stagione.

La bellezza oltre l’estetica

Chi lavora nell’industria della moda, è alla costante ricerca della bellezza e delle tendenze. Anche Miomojo lo fa, ma non si limita ai prodotti. In ogni passo e decisione, l’azienda punta a contribuire ad un mondo più bello e gentile, realizzando prodotti di design con materiali sostenibili, etici ed innovativi che tutelino il pianeta e tutte le sue forme di vita.

Mentre – di fronte alla crisi ambientale e alla pressione dei consumatori sempre più critici – molte aziende riconosciute del settore prefissano degli obiettivi per ridurre gli sprechi e le emissioni di carbonio da raggiungere entro il 2030, Miomojo, da quando è nata nel 2012, ha fatto della fusione tra la sostenibilità e il cruelty-free il suo cuore e motore. Non è un caso che, entro il prossimo anno, tutto il suo catalogo sarà realizzato esclusivamente con materiali riciclati.

La gentilezza di Miomojo

Non solo moda, scegliere un prodotto Miomojo significa anche consapevolezza, sostenibilità e supportare progetti in linea con i loro principi e obiettivi. Infatti, nel loro modello di business virtuoso è previsto da sempre restituire parte dei propri profitti agli ecosistemi, donando il 10% del loro utile netto ad associazioni impegnate nella difesa e protezione di animali in difficoltà. Claudia Pievani, CEO e fondatrice del marchio, partecipa in primis attivamente alle azioni degli enti che sostiene.

Le abitudini di consumo stanno cambiando, la tendenza a consumare prodotti etici e sostenibili è in aumento. Con tutte le opzioni cruelty-free a impatto minimo di Miomojo, comprare meno e meglio liberandosi dell’inquinamento e dello sfruttamento degli animali non è poi così difficile, vero?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook