L’orrore che si nasconde dietro ai nostri jeans: la schiavitù dei bambini del Bangladesh (FOTO)

bangladesh 1

Migliaia di bambini in Bangladesh sono costretti a lavorare per ore e ore in fabbriche tessili irregolari, dove si occupano di cucire i jeans e gli altri abiti che indossiamo abitualmente. Vengono pagati soltanto 20 centesimi al giorno. Un nuovo reportage fotografico fa luce sullo sfruttamento del lavoro minorile e sui lati oscuri dell’industria dell’abbigliamento.

Il fotografo Claudio Montesano Casillas ha documentato ciò che accade all’interno dei laboratori clandestini dell’industria dell’abbigliamento presenti in Bangladesh, precisamente nella località di Keraniganj (Dhaka).

In Bangladesh circa 7000 fabbriche non sono soggette a controlli di sicurezza. Le fotografie mostrano edifici senza uscite d’emergenza, piani antincendio o estintori. Ci troviamo nelle vicinanze di Rana Plaza, dove l’incendio in una fabbrica nel 2013 provocò la morte di più di 1000 persone.

Le fabbriche irregolari producono abbigliamento che verrà messo in vendita a livello locale ma anche capi per le grandi marche internazionali, attraverso dei subappalti che rendono davvero difficile capire quale sia la reale provenienza dei prodotti.

Visitando queste fabbriche del Bangladesh, il fotografo ha rilevato condizioni di sicurezza inesistenti. In una sola stanza possono essere presenti fino a 15 macchine da cucire. Qui i bambini, che sono obbligati a lavorare e che dunque non possono frequentare la scuola, si occupano di compiti di ogni tipo, dall’applicazione delle paillettes alla pulizia dei macchinari.

bangladesh 2

bangladesh 3

bangladesh 4

bangladesh 5

Si lavora tutti i giorni dall’alba al tramonto. I bambini di età compresa tra i 10 e i 14 anni costretti a lavorare in Bangladesh sono circa 1 milione secondo l’UNICEF, ma il numero in realtà sarebbe molto più alto.

bangladesh 6

bangladesh 7

bangladesh 8

bangladesh 10

Nelle fabbriche ufficiali, interessate dai controlli da parte delle autorità, le condizioni di sicurezza sarebbero migliori. Un discorso che non vale per le fabbriche clandestine, proprio quelle dove avviene il maggior sfruttamento minorile. Una realtà davvero tragica a cui possiamo provare a non contribuire controllando meglio la provenienza dei nostri abiti.

Marta Albè

Fonte foto: Claudio Montesano Casillas

Leggi anche:

CHANGE YOUR SHOES: SAI DAVVERO COME VENGONO PRODOTTE LE TUE SCARPE? (VIDEO)

QUAL È L’IMPATTO AMBIENTALE DELLE SCARPE DA GINNASTICA? LO RIVELA IL MIT

6 MULTINAZIONALI COINVOLTE NELLO SCHIAVISMO E NELLO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Seguici su Instagram
seguici su Facebook