Ad Amsterdam la prima strada senza pellicce d’Europa (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Shopping fur-free, shopping senza pellicce: sarà possibile solo fare acquisti etici in una delle strade più centrali di Amsterdam.

Dopo aver lavorato insieme con l’organizzazione olandese di protezione degli animali Bont voor Dieren, i proprietari dei negozi della Hartenstraat di Amsterdam hanno infatti deciso di vietare gli elementi in pelliccia nei loro negozi. Con questa mossa, la centralissima Hartenstraat è diventata la prima strada dello shopping senza pelliccia in Europa.

Così,da pochissimi giorni, accanto al nome della strada compare anche la dicitura “Fur-free shopping street”, “Strada di shopping senza pellicce”.

LEGGI anche: PELLICCE TOSSICHE, RITIRATI CAPOTTI PER BAMBINI: LE MARCHE DA EVITARE

hartenstraat senza pellicce

Speriamo che questo ci porterà più vicino alla fine dello sfruttamento degli animali per la moda”, dichiara Laurens Ivens. Ed in effetti chi ben comincia è metà dell’opera e proprio da qui si può (anche) partire per diffondere la consapevolezza sull’estrema sofferenza degli animali nell’industria della pelliccia e ad incoraggiare i consumatori e le imprese a cercare acquisti senza pelliccia.

LEGGI anche: PELLICCE TOSSICHE E CANCEROGENE: NUOVO ALLARME PER I BAMBINI (VIDEO)

hartenstraat senza pellicce 1

Hartenstraat si trova tra le famose e pittoresche “De 9 Straatjes”, le “9 Strade” del popolare quartiere dello shopping nel centro di Amsterdam, piene di negozi vintage, negozi di design e negozi specializzati. Il quartiere storico è stato costruito nel 17 ° secolo durante l’olandese Golden Age, un periodo di grande prosperità a causa della fiorente commercio internazionale. I nomi delle strade delle “De 9 Straatjes”, come Wolvenstraat, Huidenstraat e Berenstraat, testimoniano l’antica presenza di artigiani che erano attivi qui.

Ora la strada si fregia anche del titolo della prima in Europa senza pellicce. Un bell’esempio da seguire!

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook