greenpeace detox

La moda è ancora tossica. Attenzione ai capi d'abbigliamento di alcune delle più note case di moda e catene di negozi diffuse in tutto il mondo, anche in Italia. Alcuni di essi possono infatti rilasciare nell'ambiente sostanze nocive in grado di interferire con gli ormoni umani o di provocare il cancro. Si tratta delle accuse lanciate da parte di Greenpeace International attraverso la campagna "Detox 2012".

I marchi d'abbigliamento sotto accusa sono alcuni tra i più noti, molti dei quali si trovano presenti nel nostro Paese in numerosi punti vendita. Si tratta di nomi di spicco, come si evince dal seguente elenco: Benetton, Jack & Jones, Only, Vero Moda, Blažek, C&A, Diesel, Esprit, Gap, Armani, H&M, Zara, Levi's, Victoria's Secret, Mango, Marks & Spencer, Metersbonwe, Calvin Klein, Tommy Hilfiger, and Vancl.

Sostanze chimiche pericolose sono state individuate da parte di Greenpeace tramite analisi di laboratorio degli indumenti provenienti da un totale di 20 marchi di abbigliamento, tra i quali emerge negativamente il nome di Zara, l'unico tra i marchi in alcuni dei cui capi d'abbigliamento sono state individuate sostanze chimiche sia in grado di agire negativamente sugli ormoni, sia ritenute cancerogene.

All'interno del dossier "Toxic Threads - The Big Fashion Stitch-Up", Greenpeace riporta I dati relative ai 141 capi d'abbigliamento analizzati e spiega la correlazione tra l'impiego di sostanze chimiche pericolose nelle fasi di produzione degli abiti e la loro permanenza nei tessuti una volta che ogni abito è stato ultimato.

detox greenpeace 1

detox greenpeace 2

Chi acquista e indossa gli abiti provenienti da alcuni dei marchi in voga del momento, rischia di trasformarsi in una "Fashion Victim" nel vero senso della parola. I rischi sono in particolare legati alla propagazione di sostanze tossiche nell'ambiente attraverso il lavaggio dei capi d'abbigliamento. Esse raggiungono in questo modo i mari e le acque di tutto il mondo, diffondendosi nell'ecosistema.

Ciò che stupisce maggiormente è che per ogni marchio preso in considerazione, sono stati testati ed individuati numerosi indumenti che hanno rivelato il proprio contenuto di sostanze nocive. La loro permanenza negli abiti ed il loro utilizzo industriale può rivelarsi rischioso sia per coloro che li indosseranno, sia per chi lavora o vive accanto alle fabbriche di produzione degli stessi.

I capi sottoposti alle analisi da parte di Greenpeace e risultati contenenti sostanze nocive sono di vario genere e comprendono: biancheria intima per uomo, donna e bambino, pantaloni, jeans, giacche, t-shirt, abiti da donna e vestiti destinati ad ogni tipo di persona per ogni fascia d'età, venduti sia a caro prezzo che ad un costo contenuto. Greenpeace richiede alle aziende della moda sotto accusa di agire immediatamente per arginare il problema, eliminando le sostanze chimiche nocive ed inquinanti utilizzate nelle fasi produttive dei loro capi di abbigliamento.

{igallery id=4218|cid=115|pid=1|type=category|children=0|addlinks=0|tags=|limit=0}

Marta Albè

- Scarica qui il dossier di Greenpeace "Toxic Threads: The Big Fashion Stitch-Up".
- Scarica qui il relative report tecnico.

Leggi anche:

- Sostanze chimiche pericolose in giacche e abbigliamento outdoor . Sotto accusa anche Patagonia e North Face.

- Salvati la Pelle: il blitz di Greenpeace contro l'industria conciaria (foto)

- Allarme Greenpeace: sostanze tossiche nei capi firmati

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

banner orto native

La guida utile

La guida per fare un orto in piccoli spazi. Chiara, veloce e gratuita!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram