green_groupie1Dal celebre Coachella Festival, alle passerelle delle eco-fashion weeks d’oltreoceano, la tendenza green style per l’estate arriva dritta dritta dall’armadio della nonna.

Musica e moda, miti e movimenti. Rapporti dialettici che si intersecano e si alimentano da sempre in maniera reciproca, dall’una all’altra senza soluzione di continuità cavalcando l’onda delle suggestioni e della creatività in un revival continuo che non conosce tramonto. Lo stile come contrassegno di una generazione, di un pensiero, di un’idea, tendenze capaci di parlare dello spirito del tempo e della storia della società in cui si affermano.

green_groupie3Se il fashion style contemporaneo è orientato sempre più verso il green, con le eco-settimane della moda che in tutto il mondo promuovono creazioni che hanno alla base materiale di recupero, il concetto che lo sostiene è quello dell’esaltazione della personalità, della libertà del gusto e dello stile sganciato una buona volta dai diktat massificanti. Così, unendo il pallino della musica a quello per il design e all’attenzione per l’ambiente, Jenny Reyers, creativa di Los Angeles, ha dato vita ad una collezione di abiti che, tra corpetti, nastri e grandi cappelli, rende omaggio al vintage e celebra al tempo stesso il mito malizioso, femminile e giocoso di una presenza iconica nel mondo del rock lanciando un nuovo trend: quello della green groupie.

La Reyers, che ancor prima di essere una designer è una patita della musica, ha passato gli ultimi anni della sua vita in giro per il paese al seguito delle sue band preferite nutrendosi dell’estro e delle intuizioni degli ambienti artistici. Dal 2006, data di pubblicazione dell’album Rabbit Fur Coat, si occupa di curare il look dell’ amica e cantante indie Jenny Lewis e della band Rilo Kilo rielaborando indumenti vintage scovati in negozietti di seconda mano sparsi qui e lì in tutti gli Stati Uniti.

green_groupie2La Lewis si conquista le copertine dei più accreditati magazine musicali ed assieme a lei le creazioni della Reyers trovano spazio su riviste come Rolling Stone o Under the Radar fino ad arrivare quest’anno alla grande vetrina del Coachella Valley Music and Arts Festival in California. Da questa esperienza matura il proposito di fare il grande passo: dal vestire gli amici al creare un marchio, Geronimo, prodotto a partire dagli stock di abiti dimenticati nei depositi dei magazzini “Ho deciso di utilizzare stock di tessuti vintage perché mi piaceva l’idea che le mie creazioni fossero eco-friendly e che suggerissero ai giovani il modo di provvedere da sé ai propri bisogni”. Prima ancora di una proposta commerciale dunque, un invito al fashion fai-da-te orientato ad un utilizzo ed una fruizione dello stile più personale e maggiormente cosciente delle possibilità del recupero dei materiali. Per abbattere costi e consumi, in pieno spirito green, la produzione di Geronimo si limita all’area di Los Angeles e non sono assolutamente previsti per il brand progetti di out-sourcing. Per tutte coloro che non ne potessero fare a meno i capi sono acquistabili direttamente tramite il sito, per coloro che invece volessero cimentarsi nella divertente caccia al pezzo d’epoca tra mercatini, negozietti second hand ed i vecchi armadi della nonna segnaliamo il sito che ospita un originale contest a cui potete partecipare inviando una foto di ciò che siete stati capaci di fare.

Rosa Simonetta

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram