Ecco cosa si nasconde dentro gli accessori in pelle. Attenzione, immagini forti (FOTO e VIDEO)

peta

Alcune persone tendono a chiudere un occhio sulla sofferenza degli animali quando si tratta di comprare borse, scarpe e accessori in pelle. Ma la Peta non ci sta e a partire dall’Asia a deciso di intervenire per dire stop a questa abitudine.

Peta Asia in collaborazione con Ogilvy & Mather Advertising Bangkok ha dato il via ad una campagna shock per scoraggiare i consumatori all’acquisto di borse, cinture e pelletteria. Ecco allora l’apertura di un finto negozio temporaneo all’interno di uno dei centri commerciali più famosi di Bangkok.

Tra gli scaffali del negozio i visitatori del centro commerciale potevano trovare quelli che a prima vista apparivano come i classici accessori in pelle di lusso. Ma al loro interno ecco che si celava un terrificante segreto.

Dentro borse, scarpe e portafogli si nascondevano in modo a dir poco impressionante finta carne e sangue di animali e persino qualcosa che assomigliava davvero a un cuore battente. Ovviamente i consumatori, del tutto ignari, non potevano sospettare nulla di simile nell’esaminare gli oggetti per valutare un eventuale acquisto.

Per non parlare delle immagini ancora più terrificanti che mostrano come i pitoni vengano catturati, torturati e sacrificati per la produzione della pelletteria. Sono più di 440 mila, secondo i dati della Peta, gli esemplari sottratti ogni anno dalle giungle del sud-est asiatico.

La ‘sorpresa’ che i visitatori del negozio si sono trovati davanti aprendo una borsa o un portafogli non poteva che essere terrificante e generare sgomento e grande stupore. Forse dopo un simile shock alcune persone prima di avvicinarsi di nuovo ad una borsa in pelle ci penseranno due volte.

pelle peta 1
pelle peta 2
pelle peta 3
pelle peta 4
pelle peta 6

Per molte persone non è semplice collegare la produzione di accessori in pelle con la sofferenza degli animali ed ecco dunque la nascita di questa iniziativa a dir poco sopra le righe.

pelle peta 7
pelle peta 8
pelle peta 9
pelle peta 10
pelle peta 11

Cosa ne pensate? Un’idea simile può funzionare per sensibilizzare ad acquisti più consapevoli o genera solo timore e disgusto?

Marta Albè

Fonte foto: Peta Asia

Leggi anche:

frecciaMODA SHOCK: GUANTI 'DOLOROSI' IN PELLE DI SQUALO

frecciaPITONI: LA MODA EUROPEA NE UCCIDE MEZZO MILIONE OGNI ANNO PER LA PELLE

frecciaL'ATTRICE REESE WITHERSPOON DOPO GLI ATTACCHI PETA DICE ADDIO ALLA SUA BORSA DI PELLE DI PITONE DA 4,000$

mediterranea pelle

Mediterranea

Dimmi quanti anni hai e ti dirò di cosa ha bisogno la tua pelle

ecogreen

Ecogreen

La prima sneaker certificata Ecolabel!

whatsapp gratis
corsi pagamento