We Food: in Danimarca il secondo supermercato che vende cibi scaduti contro gli sprechi alimentari (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vendere prodotti scaduti, ma ancora perfettamente commestibili, al supermercato. L’esperimento sta avendo successo in Danimarca dove ha appena aperto un nuovo supermercato che vende cibi scaduti.

Il primo progetto WeFood aveva preso il via all’inizio di quest’anno a Copenaghen e ora è nato un secondo punto vendita. WeFood è molto amato dai cittadini danesi a quanto pare. Qui si trovano le eccedenze dei grandi supermercati che vengono messe in vendita ad un prezzo ridotto.

Si tratta di prodotti scaduti ma a lunga conservazione (come pasta e riso) ma anche di cibi con etichette errate oppure imperfetti o leggermente danneggiati che altrimenti nella grande distribuzione finirebbero tra i rifiuti.

Dopo il successo del primo punto vendita di Copenaghen, dall’inizio di novembre WeFood ha aperto un nuovo negozio in città, nel quartiere di Nørrebro.

Questo negozio non nasce esclusivamente per le persone in difficoltà economiche o con basso reddito. Infatti è aperto a tutti i cittadini che vogliano risparmiare, lottare contro gli sprechi alimentari e fare del bene all’ambiente.

Leggi anche: IN DANIMARCA APRE WEFOOD, IL PRIMO SUPERMERCATO CHE VENDE CIBI SCADUTI

I danesi che fanno la spesa da WeFood non vogliono solo risparmiare, vogliono ridurre gli sprechi alimentari e sanno che è importante evitare che cibo ancora buono finisca nella spazzatura.

In Danimarca esistono leggi apposite che rendono possibile l’apertura di questo tipo di negozi di recupero e vendita delle derrate alimentari imperfette. Se il cibo scaduto è ben etichettato e non presenta rischi per la salute lo si può mettere in vendita senza problemi.

Leggi anche: SPRECHI ALIMENTARI: COMINCIA A CADERE IL MITO DELLA DATA DI SCADENZA

danimarca wefood 1
wefood 3
wefood 4
wefood 5
wefood 6
wefood 7

I prodotti presenti nel negozio variano a seconda delle donazioni effettuate dai grandi supermercati e dai fornitori. Il risparmio è evidente perché tutto qui costa circa la metà rispetto al prezzo originario.

Nel mondo circa 1 miliardo di persone si trovano in difficoltà economiche e sanitarie, non hanno accesso a cibo sufficiente o all’acqua potabile. Dovremmo sentirci obbligati con ogni mezzo ad evitare qualsiasi spreco alimentare e a considerare sempre il cibo come qualcosa di molto prezioso che siamo fortunati ad avere sempre a disposizione.

Leggi anche: LEGGE CONTRO GLI SPRECHI ALIMENTARI, FINALMENTE APPROVATA!

In Italia è stata approvata da poco una nuova legge per facilitare le donazioni delle eccedenze alimentari da parte di ristoranti, mense e supermercati. Si tratta di una semplificazione burocratica pensate per ridurre gli sprechi alimentari. Speriamo che nel nostro Paese si agisca sempre di più per arginare il problema. Qui maggiori informazioni dal sito del Governo italiano.

Marta Albè

Fonte foto: WeFood

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook