Vietato per legge buttare il cibo avanzato nei cassonetti. La proposta di Amburgo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mai più cibo avanzato nei cassonetti della spazzatura. Ad Amburgo la lotta allo spreco alimentare passa dalla legge, il governo sta infatti lavorando alla stesura di una proposta che vieterà a privati e grande distribuzione di gettare il cibo nei rifiuti.

Nonostante gli sforzi e il miglioramento, lo spreco di cibo continua a essere in testa alla classica negli ultimi 5 anni, superando gli sprechi idrici, energetici o monetari. Si stima che oggi si continua a produrre più cibo di quello che poi viene consumato e gli esperti stimano che nel 2030 si arriverà a gettare 2,1 tonnellate di cibo.

Non che i dati attuali non siano allarmanti: ogni anno, nel mondo, si gettano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo, ovvero un terzo della produzione mondiale, mentre invece quasi 800mila persone soffrono la fame.

Ad Amburgo, l’amministrazione ha deciso di agire concretamente e sta lavorando alla stesura di una proposta di legge all’interno della conferenza dei ministri. Nel documento si parla di multe salate per chi getterà il cibo avanzato nella pattumiera. E la regola varrà anche per la grande distribuzione.

Il senatore alla giustizia di Amburgo, Till Steffen, ha già una prima bozza, mentre ad aprile la fazione del Bundestag della sinistra aveva invitato il governo federale a presentare una richiesta di impeachment della raccolta di cibo finito tra i rifiuti.

In tanti paesi europei, per la grande distribuzione si sono già adottate misure valide, ovvero convenzioni con enti di beneficenza che prendono l’invenduto. Anche noi nel nostro piccolo possiamo fare la differenza, facendo scelte consapevoli, acquistando solo quello che ci serve davvero e in quantità sufficiente, senza esagerazioni.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook