Sprechi alimentari: ogni famiglia getta via 7 euro a settimana di cibo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ogni anno, in Italia, finiscono nella spazzatura qualcosa come 8,7 miliardi di euro di cibo. Una quantità enorme, ma che forse non rende l’idea. Immaginiamola allora così. Lo spreco settimanale per famiglia è di circa 213 grammi di cibo pari a 7,06 € settimanali.

Circa 30 euro al mese finiscono letteralmente nella spazzatura. Ma anche se la crisi sembra aver fatto diventare più responsabili gli italiani, sono ancora tanti quelli che non si preoccupano di gettare via gli avanzi.

È quanto emerge dal Rapporto 2013 sullo spreco domestico realizzato da Knowledge for EXPO, il nuovo Osservatorio di SWG e Last Minute Market, con l’apporto dell’Osservatorio nazionale sugli sprechi Waste Watcher.

Presentata oggi a Milano, l’indagine si è concentrata sullo spreco domestico, quel “circolo velenoso” che va dal frigo alla pattumiera di casa. Il monitoraggio incrociato fra spreco domestico e spreco nella filiera agro-alimentare (aziende agricole, industria alimentare, piccola e grande distribuzione, mercati all’ingrosso, ristorazione collettiva), condotto in questi mesi da Waste Watcher e da Last Minute Market, ha scoperto che lo spreco alimentare domestico è pari allo 0,5 % del Pil.

Cosa gettiamo via? Fra gli alimenti ‘freschi’ o non cotti buttati via dagli italiani troviamo in testa frutta (51,2%) e verdura (41,2%), formaggi (30,3%) e pane fresco (27,8%). Fra i cibi cotti la pasta (9,1%) i cibi pronti (7,9%) e precotti (7,7%).

Italiani più consapevoli. La piccola buona notizia emersa dal Rapporto 2013 sullo spreco domestico ha rilevato una controtendenza importante: gli abitanti del bel paese sono sempre più sensibili e attenti intorno al tema degli sprechi. Il 90% degli italiani considera molto o abbastanza grave lo spreco alimentare, il 78% si dichiara preoccupato da questo problema, e l’89% degli italiani vorrebbe ricevere maggiore informazione sulle conseguenze dello spreco e sui sistemi utili a ridurlo. E ancora: il 57% degli italiani dichiara di gettare “quasi mai” gli avanzi e il cibo non più buono, il 27% meno di una volta alla settimana, il 14% almeno una volta a settimana, il 55% dichiara di riutilizzarlo, mentre il 34% lo getta nella spazzatura e il 7% lo usa per gli animali.

Dove si getta di più? In Campania solo il 47% non getta via cibo quasi mai, mentre tra le migliori troviamo Liguria (68%) Sardegna (66%) e Lombardia (62%), dove prevale la tendenza a non gettare via il cibo rispetto alle altre Regioni.

E se la Fao dice che gettiamo via un terzo del cibo prodotto, se altri studi salgono addirittura alla metà, forse sarebbe il caso di seguire l’esempio di McKenna Greenleaf Faulk, la bimba americana di 13 anni, che è riuscita a far donare il cibo della mensa scolastica ai più poveri. Da imitare.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Waste Watchers: un Osservatorio Nazionale e un Forum europeo contro gli sprechi alimentari

Sprechi Alimentari, FAO: ogni anno gettiamo via un terzo del cibo prodotto

Sprechi alimentari: la meta’ del cibo prodotto finisce tra i rifiuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook