Re-Use for Good, il negozio di Bologna dove non si paga (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È un ‘negozio’ speciale quello che si trova a Bologna, in via Savenella 13. Qui, infatti, abiti, scarpe, accessori e giochi sono gratis per i cittadini, italiani e stranieri, che ne abbiano necessità. Si tratta del progetto Re-Use for Good dell’associazione Re-Use With Love, realizzato in collaborazione con il Comune di Bologna- Quartiere Santo Stefano.

Tutto ha inizio quando l’Associazione vince nel 2014 un bando del Comune di Bologna-Cittadinanza Attiva per l’assegnazione di un immobile del Baraccano, Quartiere Santo Stefano a Bologna, ora sede operativa dell’associazione, dove avviene la raccolta e lo smistamento dei capi e c’è il nuovo sportello di distribuzione gratuita alle persone bisognose segnalate dai Servizi Sociali e Scolastici.

L’obiettivo è quello di dare supporto alle fasce più deboli attraverso la beneficienza, ma anche promuovere la cultura del riuso e del recupero consapevole. Il tutto in un contesto accogliente, curato ed ordinato. All’interno di questo ‘non-negozio’, infatti, tutto è stato ben selezionato e disposto per dare l’impressione di fare shopping come in qualsiasi altro normale punto vendita.

reuse4

reuse5

La differenza è che non si paga nulla. Capi di abbagliamento, accessori, scarpe, abbigliamento sportivo, giochi, libri, usati e in buono stato, vengono infatti forniti gratuitamente, o a fronte di una donazione simbolica. Ma non solo: RWL, attraverso il progetto Re-Use for Good, intende promuovere ed organizzare anche eventi, incontri, campagne e altre iniziative sui temi della sostenibilità, della solidarietà sociale e dell’educazione al riuso.

reuse

reuse2

Un luogo di incontro, di confronto, di relazioni. Un posto in cui raccontare le storie E di sostegno a chi vive uno stato di difficoltà. Tutto questo grazie al riutilizzo da un lato e alla beneficenza dall’altro. Una storia che ci ricorda quella di Portobello, nella vicina Modena, il supermercato anticrisi dove non si paga con i soldi, ma con il volontariato. Ma anche quella di “Passamano” di Bolzano, il primo non-negozio dove “comprare” senza pagare.

Ecco come dare risposta concreta ai bisogni delle famiglie povere, facendo bene anche all’ambiente.

Per maggiori informazioni clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Portobello: apre l’emporio anticrisi di Modena, dove non si paga con i soldi

Passamano: il negozio “free” dove non si paga

People’s Supermarket: un nuovo modello di supermercato, fatto dalla gente per la gente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook