Addio all’olio di palma: tutti i prodotti a marchio Coop ora sono palm free

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Coop è “palm free”. Niente più olio di palma nei prodotti a marchio Coop: la più grande catena di distribuzione italiana ha infatti completato l’iter di sostituzione di più di 200 prodotti, avviato nel maggio scorso, dopo la pubblicazione del dossier Efsa.

Così, mentre la Ferrero difende l’olio di palma in uno spot promozionale, biscotti, gelati, merendine, omogeneizzati e altri prodotti a marchio Coop saranno prodotti ed etichettati “0% olio di palma”.

L’iter di sostituzione è cominciato a maggio scorso, quando Coop è stata la prima catena distributiva a scegliere di eliminare l’olio di palma dai suoi prodotti a marchio. Alla base di questa nuova politica c’è la pubblicazione del dossier EFSA su alcuni “contaminanti di processo”: 3-monocloropropandiolo (3-MCPD), 2-monocloropropandiolo (2-MCPD) e glicidil esteri degli acidi grassi (GE), che si formano soprattutto negli oli di origine vegetale, se ad alte temperature, e hanno caratteristiche di tossicità.

coop olio di palma

Il percorso intrapreso dalla cooperativa ha allora portato alla sostituzione dell’olio di palma principalmente con oli monosemi, tra cui anche olio di oliva ed extravergine: una scelta che vuole promuovere la riduzione di tutte quelle sostanze, come i grassi, il sale e gli zuccheri, che, se assunte in quantità elevate, possono causare problemi alla salute.

Con cosa è stato sostituito l’olio di palma?

È stato sostituito con altri oli monosemi che hanno un apporto di grassi più equilibrati, in termini nutrizionali o con l’olio extra vergine di oliva.

LEGGI anche: BISCOTTI SENZA OLIO DI PALMA, LA LISTA

Benché molti prodotti Coop non abbiano mai impiegato né il palma né altri grassi tropicali, come ad esempio tutte le linee dedicate ai bambini e la linea “Vivi Verde” da agricoltura biologica, il processo di sostituzione avviato da Coop ha comportato anche alcune rinunce (come nel caso di alcuni gelati) perché non è stato possibile riformulare vari prodotti con altri oli/grassi a parità di analoghe caratteristiche organolettiche e di durata”, spiega Marco Pedroni, presidente Coop Italia.

biscotti coop

Un discorso a parte meritano anche i benefici in termini ambientali generati dalla nostra scelta”, conclude Pedroni.

E anche su questo punto non possiamo che essere d’accordo. Quanto a noi, non limitate la scelta di un prodotto sugli scaffali solo in base alla presenza o meno dell’olio di palma, ma controllate anche la qualità degli altri ingredienti come, per esempio, la farina, gli zuccheri o gli additivi.

Nell’opinione pubblica qualcosa è cambiato. Il consumatore cerca cibi buoni e sani ed è pronto a premiare l’impegno etico del marchio che sceglie. Dire addio all’olio di palma significa (anche) tutto questo.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook