Le cucine plastic free che durano una vita

In Svezia c’è un supermercato “del clima” dove paghi i prodotti in base alla loro impronta di carbonio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Più C02 emette il prodotto, maggiore sarà il suo costo, nel Klimat Butiken del marchio svedese Felix l’impronta di carbonio della tua spesa conta!  

Con l’intenzione di aiutare i cittadini a comprendere l’impatto delle loro scelte sull’ambiente, il marchio alimentare svedese Felix ha aperto il Klimat Butiken, ovvero un negozio del clima in cui i prezzi di tutti i prodotti si basano sulla loro impronta di carbonio, infatti per pagare, invece della corona svedese, si utilizza come valuta la CO2e.

In questo negozio, ogni cliente ha un budget settimanale di 18,9 kg di CO2e, ciò significa che ognuno dovrà scegliere attentamente il cibo, evitando le opzioni con la più alta impronta di carbonio in modo da poter coprire tutta la spesa senza oltrepassare il limite di valuta a disposizione

prezzo del Negozio del Clima in Svezia

©Klimat Butiken – Felix

Sebbene molte persone vorrebbero fare la differenza facendo un eco-spesa, non sempre è chiaro quali siano i prodotti che danneggiano maggiormente il pianeta. Fissando il prezzo del cibo in base al suo impatto ambientale si può mostrare la differenza tra i prodotti alimentari di origine vegetale e quelli di origine animale e aiutare a sensibilizzare le persone su come ciò che mangiamo possa contribuire notevolmente all’inquinamento ambientale.

La produzione alimentare è responsabile di circa un quarto delle emissioni mondiali di gas serra. L’azienda svedese afferma che se i clienti fossero più informati riguardo a quali siano gli alimenti che contribuiscono maggiormente alla presenza di carbonio nell’aria, potrebbero prendere decisioni più consapevoli che aiuterebbero a ridurre notevolmente queste emissioni.

L’apertura del Negozio del Clima è solo una parte del piano di sostenibilità a lungo termine del marchio. Felix intende implementare diverse azioni che possano aiutare i suoi clienti a prendere decisioni più informate nel momento dell’acquisto: come ad esempio, in tutti i suoi negozi, segnalare sulle etichette dei suoi prodotti il loro impatto sull’ambiente.

Questa scelta di includere l’impronta di carbonio dovrebbe essere estesa a tutti i supermercati del mondo. Senza dubbio un grande esempio da imitare.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook