Divieto sacchetto di plastica: in Italia è boom delle sporte riutilizzabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo la messa al bando dei sacchetti di plastica, in Italia è boom delle sporte riutilizzabili: il 75% degli italiani le usa abitualmente per fare la spesa. Marginale l’uso di sacchetti di carta, più diffuso l’utilizzo dei sacchetti biodegradabili. L’83% degli italiani dichiara anche di non essere d’accordo ad un eventuale ritorno alle vecchie buste di plastica.

A quasi 8 mesi di distanza dall’entrata in vigore della legge che regola il divieto dei sacchetti in plastica il 01 gennaio, Assobioplastiche, l’Associazione Italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili, fa il punto della situazione grazie ad un‘indagine condotta da ISPO e diretta dal Prof. Renato Mannheimer.

Le interviste rivelano che ben il 93% degli italiani è consapevole che dal 2011 non è più possibile commercializzare i classici sacchetti di plastica. L’89% sa che esiste una norma a cui i sacchetti devono conformarsi per essere definiti biodegradabili, mentre il 60% non sa che esistono materiali che si dichiarano tali pur non essendo conformi.

I risultati della ricerca condotta dall’ISPO sono la conferma che i cittadini italiani condividono pienamente il provvedimento adottato dal Parlamento – sottolinea il Presidente di Assobioplastiche, Marco Versari – se consideriamo i dati contenuti nell’ultimo rapporto Ispra sui rifiuti in Italia, appena pubblicato, abbiamo la conferma del valore di un provvedimento che mira a ridurre il fenomeno della contaminazione della frazione organica da avviare al compostaggio”.

L’Italia e gli italiani dimostrano così, mirabile dictu, di essere all’avanguardia in Europa nell’essere riusciti a ridurre il consumo degli inquinanti e pericolosi sacchetti di plastica, oltre che aver creato una diffusa coscienza ambientale in merito , tanto da ispirare l’idea di introdurre una tassa o un divieto sui sacchetti di plastica in tutta l’Unione.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook