Consumo consapevole: in Italia crescono i Des, l’evoluzione dei GAS

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Italia arrivano i primi Des. No, i Gas (Gruppi d’Acquisto Solidale) non svaniranno, ma si evolveranno e acquisteranno nuova forma. In parte in alcune zone d’Italia questo processo è già in corso. I Des sono nuovi modelli di economia alternativa, in cui consumatori, produttori, associazioni, cooperative, consorzi, scuole e enti locali si uniscono in nome di un nuovo stile di consumo.

I Des sono Distretti di Economia Solidale dove tutti insieme, uniti, si concorre per superare la crisi economica in nome di valori che vanno oltre il mero profitto. Nei Des si è un po’ tutti sulla stessa barca. Ognuno, dunque, si impegna per rimanere a galla e per impedire che gli altri affondino.

Nello specifico, un Distretto di Economia Solidale è una rete i cui soggetti partecipanti si aiutano a vicenda per soddisfare quanto più possibile le proprie necessità di acquisto, vendita, scambio e dono di beni, servizi e informazioni, secondo principi ispirati all’economia locale, equa, solidale e sostenibile.

I Des spesso riuniscono al proprio interno i Gruppi di Acquisto Solidale, compresi i produttori. Un Des può raggruppare realtà che appartengono ad una o più province. Quando il fenomeno si amplia, parliamo allora di Reti di Economia Solidale. I DES locali hanno una struttura nazionale di coordinamento, il Tavolo RES, che a sua volta fa riferimento a RIPESS Europa, nodo della Rete Intercontinentale per la Promozione dell’Economia Sociale e Solidale.

Uno dei più promettenti esempi di Des sta prendendo vita in Brianza. Si tratta di Desbri (Des della Brianza), un progetto che mette al centro l’economia solidale. Il Comune di Agrate Brianza su un’area di 16 ettari messa a disposizione da un privato darà vita a una sorta di comunità agricola sul modello della Community Supported Agriculture.

Gli agricoltori coltiveranno prodotti che verranno prenotati e acquistati da realtà della zona. Sarà lo stesso patto civico a contribuire a garantire una produzione adeguata. Tra i progetti più interessanti troviamo Spiga & Madia, nato per supportare la filiera del pane, dove i membri del Gas versano in anticipo una quota annuale per fare in modo che si avvii la produzione. Esistono anche i Fotogas per il fotovoltaico.

Per maggiori informazioni consultate Desbri, sito del Des della Brianza e l’elenco dei Des in Italia.

Marta Albè

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook