Coop ed Esselunga “bannano” dagli scaffali le lampadine di Edison

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le lampadine tradizionali ad incandescenza, quelle con cui Edison ha rivoluzionato il mondo, quelle che noi tutti abbiamo rotto, fulminato e cambiato a iosa, stanno per scomparire. Almeno dagli scaffali di Coop ed Esselunga. Chiaramente a favore di quelle a risparmio energetico.

Così se la prima catena di supermercati nata a Milano nel 1957 ha deciso di eliminarle dai suoi negozi a partire dal 14 settembre, la Unicoop di Firenze gli ha già detto addio in 50 punti vendita, avendole messe al bando già da maggio. Se doveste ancora riuscire a trovarle negli altri 150 ipercoop della penisola è solo perché stanno dando fondo alle scorte. Ma ben presto, smaltite le rimanenze, sia nei punti vendita Coop che nei 137 a marchio Esselunga, potrete scegliere soltanto tra le alogene a risparmio energetico, le lampade elettroniche e le nuove led.

I due colossi della grande distribuzione italiana, dunque “bruciano” i tempi e con tre anni di anticipo rispetto al Regolamento Ue, incoraggiate anche dalle sollecitazioni avanzate da Greenpeace con la campagna “Al bando le incandescenti“, commercializzeranno solamente lampade a basso consumo che faranno risparmiare i consumatori sia sulla bolletta che nell’acquisto, avendo una durata di vita da 6 a 10 volte maggiore.

Ridurre i consumi di energia e le immissioni di CO2 in atmosfera è una delle strade per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente e riuscire ad intervenire nell’ambito dell’illuminazione. – commenta Roberta Viviani, direttore acquisti non food di Esselunga – “Abbiamo deciso di anticipare l’eliminazione dell’incandescenza perché siamo certi che i nostri consumatori, non solo comprenderanno, ma condivideranno la nostra scelta”.

Noi personalmente la scelta la condividiamo appieno, anche se vorremmo maggiori chiarimenti dalle aziende produttrici sulla reale sicurezza delle lampade a basso consumo, in particolar modo per gli elementi di mercurio che conterrebbero questo tipo di lampadine secondo diverse associazioni.

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook