Frutta e verdura battono la carne sulle nostre tavole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sempre più frutta e verdura sulle tavole degli italiani! E meno carne… I consumi hanno raggiunto nel 2016 circa 320 chili a testa, ben 3 chili in piu’ rispetto all’anno precedente.

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti, che mette in luce come gli acquisti delle famiglie italiane siano aumentati del 2% rispetto al 2015, anno in cui si erano fermati a quota 8,1 milioni di tonnellate di cui 4,5 milioni di frutta e 3,7 milioni di verdure, solo di prodotto fresco.

Il frutto più consumato sono le mele, ma al secondo posto ci sono le arance, sul podio degli ortaggi preferiti dagli italiani salgono nell’ordine le patate, i pomodori e le insalate/indivie.

L’andamento positivo dei consumi è spinto soprattutto alle preferenze alimentari dei giovani che fanno sempre più attenzione al benessere a tavola. Il risultato – sottolinea la Coldiretti – è che la spesa per frutta e verdura degli italiani raggiunge i 98,55 euro al mese per famiglia, sorpassa quella per la carne ed è diventata la prima voce del budget alimentare delle famiglie con una rivoluzione epocale per le tavole nazionali che non era mai avvenuta in questo secolo, secondo gli ultimi dati Istat.

Leggi anche: PANIERE ISTAT 2017: PER LA PRIMA VOLTA ENTRANO I PREPARATI VEGETARIANI E VEGANI

immagine

Purtroppo, però, continuano a pesare molto anche gli sprechi, dovuti soprattutto alla deperibilità del prodotto. La stima è di quasi 1 frutto su 4 che finisce nel bidone.

Cosa fare per diminuire gli sprechi di frutta e verdura?

  • Effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo
  • scegliere i frutti con il giusto grado di maturazione, non appassiti, con aspetto turgido e non eccessivamente necrotizzati nei punti di taglio
  • verificare l’etichettatura
  • preferire le produzioni e le varietà locali da acquistare direttamente dai produttori o nei mercati degli agricoltori
  • preferire varietà di stagione che hanno tempi di maturazione naturali
  • prediligere frutti interi che si conservano più a lungo
  • porre la frutta lontana da fonti di calore
  • stenderla sul contenitore per evitare ammaccature e sviluppo di marcescenze

Leggi anche: SPRECHI ALIMENTARI: FRUTTA E VERDURA IMPERFETTA IN VENDITA NEI SUPERMERCATI IN FRANCIA

“L’Italia ha le risorse per cogliere le opportunità che vengono dal prepotente affermarsi di nuove tendenze salutistiche in Italia e all’estero dove il Made in Italy ha un valore aggiunto in piu’” ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “si tratta di un trend positivo spinto dai riconoscimenti attribuiti a livello mondiale alla dieta mediterranea il cui ruolo importante per la salute è stato riconosciuto anche con l’iscrizione nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook