Bioshopper: dal 1 gennaio 2013 multe per i sacchetti non compostabili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sacchetti bio, altre novità potrebbero essere introdotte dal Decreto Sviluppo Bis. Quest’ultimo infatti prevede la riduzione di un anno del termine per le multe sui bioshoppers, destinato a chi non rispetta i requisiti. Secondo quanto stabilito dalla norma UNI EN 13432 del 2002, infatti, saranno considerati biodegradabili solo i sacchetti che in base a tale regola sono anche compostabili. E dunque soltanto gli shoppers biodegradabili e compostabili saranno considerati legali nel nostro Paese.

Ciò significa che chi non si adeguerà a tale norma, sarà multato già a partire dal 1° gennaio 2013, e non dal 2014, come stabilito lo scorso marzo. Una vicenda intricata quella sui bioshoppers, che parte tra la fine del 2010 e l’inizio del 2011, quando il Consiglio dei Ministri ha messo al bando i classici sacchetti di plastica usa e getta.

Fatta la legge introdotto l’inganno, è il caso di dire. Poco dopo il divieto introdotto dal Governo, iniziano a circolare sacchetti non conformi alle norme, contenenti l’additivo ECM. Dopo le proteste di Legambiente contro la Italcom (azienda produttrice di sacchetti in plastica con aggiunta di ECM Masterbatch Pellet), l’Autorità Garante della concorrenza e del mercato stabilsce che i sacchetti di plastica tradizionali, prodotti con l’additivo chimico ECM, non possono essere né pubblicizzati né commercializzati come biodegradabili e compostabili, perché non lo sono. Ma questo è solo un esempio.

Si arriva poi alla nuova decisione del Consiglio dei Ministri, dello scorso 23 dicembre che ha introdotto nuove disposizione per consentire la commercializzazione dei soli sacchetti conformi alla normativa europea sulla biodegradabilità e di quelli effettivamente riutilizzabili nel tempo, mettendo definitivamente al bando tutte le buste di plastica dannose per l’ambiente.

Ma le proroghe si sono susseguite senza sosta, almeno fino a marzo, quando il Sì del Senato al DL Ambiente fissa inequivocabilmente i criteri per la commercializzazione dei sacchetti: saranno considerati biodegradabili e, dunque, legalmente vendibili in Italia, solo quelli che rispettano la norma di compostabilità della Ue 13432 del 2002 e quelli di spessore sufficiente a garantirne il riutilizzo. Niente più proroghe. Anzi, il nuodo Decreto Sviluppo Bis potrebbe addirittura anticipare l’introduzione del divieto di un anno.

Un lieto fine per i consumatori, che non ha di certo reso soddisfatto le associazioni del settore, tra cui Assoecoplast che ha giudicato “incomprensibile” la riduzione del termine.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Enel Green Power

Aumenta la propria capacità rinnovabile nel 2020: al via i primi progetti e iniziative

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook