supermercato-autogestito

A Bologna nasce il primo supermercato autogestito d’Italia, un’esperienza che segue l’esempio di New York dove esiste un negozio del genere addirittura dal 1973. In questo luogo speciale i clienti sono soci e si impegnano attivamente nello sviluppo e nella gestione dell'emporio.

Riuscite ad immaginare un supermercato autogestito in cui i clienti sono anche proprietari, commessi, cassieri e magazzinieri volontari? E’ quello che potremo vedere a Bologna dove, nei primi mesi del 2018, è in programma l’apertura di un emporio di comunità autogestito ovvero un supermercato che punta tutto sulla qualità alta e i prezzi bassi grazie alla collaborazione volontaria dei clienti che sono anche soci e donano qualche ora del loro tempo ogni mese per il buon andamento dell’attività. 

Cosa devono fare concretamente i soci? Quello che farebbe un normale commesso, magazziniere o cassiere: posizionare la merce sugli scaffali, occuparsi del magazzino, stare alla cassa, pulire e riordinare, ecc. In questo modo si abbassano considerevolmente i costi di gestione e ciò ovviamente è un vantaggio che si ripercuote sui prezzi dei prodotti. Nessuno ci perde ma tutti ci guadagnano: i fornitori vengono pagati il giusto e nessun lavoratore è sfruttato per poter tenere bassi i prezzi. Naturalmente solo se si collabora attivamente alla gestione del negozio è possibile fare la spesa lì e usufruire dei vantaggi sociali ed economici dell'iniziativa.

Il primo e più celebre negozio del genere è il Food Coop di Park Slope (New York) ma anche a Bruxelles è stato inaugurato un supermercato autogestito e in Francia ne esistono circa 30 dislocati tra Parigi e altre città del paese.

Finalmente questa esperienza arriva anche in Italia e precisamente a Bologna con Camilla. Camilla non è, come si potrebbe pensare, un nome di una persona ma quello di un collettivo che a partire dall’esperienza dei Gruppi di acquisto solidale ha deciso di fare un passo in più.

Sarà realizzato infatti da Alchemilla GAS e dall'Associazione Campi Aperti (Associazione di produttori biologici e contadini del territorio) un emporio autogestito in cui si prediligeranno l'agricoltura locale, biologica ed eco-sostenibile, il rapporto diretto con il produttore, le filiere partecipate e i progetti volti a ridurre le diseguaglianze economiche e a sostenere i diritti dei lavoratori.

camilla supermercato autogestito

Food Coop, il documentario

A raccontare questa esperienza che si sta diffondendo un po’ in tutto il mondo ci pensa un documentario di Thomas Boothe che si intitola proprio “Food Coop” e che potremmo vedere anche in alcune sale italiane a partire dal 14 novembre.

Thomas è un americano che vive a Parigi e ha pensato di replicare l’esperienza di Park Slope. Il documentario racconta proprio lo studio dell’esperienza del primo negozio di New York e i vari passaggi che hanno portato poi al risultato finale praticamente in concomitanza con le riprese del documentario: la nascita di La Louve, un negozio di 1500 mq aperto nel 2016 a Parigi e che oggi vanta circa 13mila soci.

food coop documentario

Per conoscere le storie di altri supermercati particolari leggi anche:

Il modello del Food Coop sembra davvero buona idea per compare prodotti di qualità e freschi a buon prezzo puntando su un’esperienza sociale che è in grado anche di responsabilizzare i singoli e dargli un ruolo attivo nel buon funzionamento dell’impresa. Insomma un bel progetto di consumo critico e solidale!

Francesca Biagioli

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram