ceramica gruppo facebook

Qualsiasi iniziativa che riduca l’utilizzo della plastica è sempre ben accetta. Ed è tutto italiano il progetto ‘More Clay, Less Plastic’, una campagna mondiale che promuove l’uso della ceramica e della terracotta.

Da Frisanco, in provincia di Pordenone, fino alle pagine dei media internazionali, l’idea della ceramista Lauren Moreira sta piacendo a tanti perché aiuta l’ambiente e potrebbe ridurre nel lungo periodo l’inquinamento da plastica.

Il movimento ha preso piede su Facebook dove la pagina ha già avuto il consenso di artigiani ceramisti che provengono da tutto il modo.

"Scopo di More Clay, Less Plastic è quello di invitare la gente a ripensare le proprie abitudini quotidiane, ad esempio evitando la plastica usa e getta. Scolapasta, tazze, piatti, scodelle, una volta fatti di argilla e poi sostituiti con la plastica, possono essere di nuovo fatti di ceramica", si legge sul sito internet.

LEGGI anche: FOODSCAPES: PIATTI E POSATE COMPOSTABILI DAGLI SCARTI ALIMENTARI

ceramica

Il gruppo nato nel 2014 cerca di mettere in rete i ceramisti e il popolo del web con l’obiettivo di ridurre l’utilizzo della plastica per migliorare la qualità della vita di ogni essere vivente.

LEGGI anche: LE TERRIBILI IMMAGINI DEI PALLONCINI DI PLASTICA CHE STANNO UCCIDENDO GLI ANIMALI (E INQUINANDO GLI OCEANI)

Più volte abbiamo parlato dei gravi danni che essa produce, di esempi ne potremmo fare tanti, basti pensare che i rifiuti in plastica negli oceani uccidono il 90% degli uccelli marini e ancora quante volte abbiamo documentato immagini strazianti di animali con plastica nello stomaco?

LEGGI anche: TEFLON CANCEROGENO? 10 ALTERNATIVE ALLE COMUNI PADELLE E PENTOLE ANTIADERENTI

Per questo, progetti come questo possono dare un grande contributo creando una consapevolezza del fatto che esistono tanti modi per evitare disastri ambientali.

LEGGI anche: PLASTICA KILLER: I RIFIUTI NEGLI OCEANI UCCIDONO OLTRE IL 90% DEGLI UCCELLI MARINI (VIDEO)

ceramica2

Il simbolo della campagna è il colino, uno strumento indispensabile in ogni cucina italiana che anticamente era d’argilla ma oggi è stato rimpiazzato dalla plastica.

La stessa Moreira è convinta che mostrare ai più piccoli come produrre un qualcosa con l’argilla sia un’esperienza indimenticabile.

Non solo, acquistare un prodotto aiuta anche i tanti artigiani locali a non essere affogati dalle multinazionali, insomma una idea che non ha controindicazioni.

"Insieme possiamo cambiare il mondo! La cosa importante è che una piccola rivoluzione è possibile e alla nostra portata, nelle nostre case, nei nostri studi, nei nostri luoghi di lavoro", conclude Moreira.

Dominella Trunfio

Foto: © Lidia Boševski / Facebook

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram