trappole supermercato

Sarà capitato a qualcuno di voi almeno una volta nella vita: siete entrati al supermercato soltanto per comprare il pane o un po’ di frutta e siete usciti con carrello pieno quasi senza rendervene conto.

Il supermercato è come un grande parcogiochi in cui tutti sembra liberamente a nostra disposizione, pronto per appagarci e renderci felici. Fino a quando arriva il momento di arrivare alla cassa e aprire il portafogli. Qui il gioco finisce. E quando siamo sul punto di pagare magari ci stiamo già pentendo di alcuni prodotti messi nel carrello di fretta e senza pensarci troppo.

La colpa è solo nostra? Forse no. Infatti le strategie di vendita messe in atto dalle aziende giocano un ruolo fondamentale nell’influenzare le nostre scelte di acquisto e i nostri comportamenti tra gli scaffali.

Eppure basterebbe conoscere un po’meglio le strategie messe in atto dai supermercati per evitarle, per comprare meno e meglio e per risparmiare. Insomma, non accontentiamoci di essere le pedine di un sistema di consumo che vorrebbe spingerci a comprare sempre di più. La scelta – consapevole – è sempre e solo nostra.

Ecco le principali “trappole” dei supermercati: non sono altro che delle strategie di vendita molto ben studiate.

1) Profumi gradevoli

Entrate al supermercato e siete subito accolti dal buon aroma del pane appena sfornato e quando vi dirigete verso il reparto dei detersivi o dei prodotti di bellezza siete attirati subito da quel buon profumo di pulito che vi invita ad acquistare qualcosa di nuovo. Sfruttare la sensibilità del nostro olfatto è una vera e propria tecnica di vendita. Non lasciamoci ingannare.

2) Prodotti nascosti

Ma dove sarà mai il sale al supermercato? E quando cerchiamo il bicarbonato, perché non è mai nello stesso posto? Alcuni dei prodotti più banali a volte sembrano introvabili o sono molto lontani tra loro. In questo modo ci ritroviamo costretti a girare tra numerosi scaffali per andare alla ricerca di ciò che ci serve davvero. Una situazione in cui è facile cadere in tentazione e comprare qualcosa in più.

3) Posizioni sugli scaffali

Non è certo un caso che i prodotti delle marche più note o che attirano di più la clientela siano posizionati sugli scaffali proprio all’altezza dei nostri occhi. Se volete risparmiare, provate a guardare verso gli scaffali più bassi. Molto probabilmente troverete dei prodotti analoghi che costano meno. E che dire di tutto ciò che piace ai bambini? Naturalmente è posizionato alla loro altezza, come i cioccolatini e le caramelle alle casse.

4) Offerte allettanti

I prodotti in offerta sono davvero convenienti? Non sempre è così. Il prezzo scontato del prodotto di per sé può sembrare economico, ma poco più in là tra gli scaffali potreste trovare della merce analoga non scontata e comunque con un prezzo migliore. Controllate sempre il rapporto qualità/quantità/prezzo dei prodotti che vi interessano prima di decidere cosa acquistare.

5) Dimensioni dei carrelli

Nel corso degli anni le dimensioni dei carrelli di alcuni supermercati sono aumentate. Perché? Il motivo è molto semplice: più il carrello è grande, più tendiamo a riempirlo. Per alcune persone se il carrello non è pieno significa che la spesa non è ancora terminata. L’autore Martin Lindstrom si è occupato di questo argomento nel libro “Brandwashed”, dove analizza i trucchi che le aziende utilizzano per costringerci a comprare. Se la nostra spesa riguarda solo pochi prodotti, lasciamo perdere il carrello e scegliamo il cestino.

La soluzione per sfuggire alle trappole dei supermercati

Da cittadini e da consumatori ci dobbiamo davvero arrendere ad essere vittime dei trucchi per vendere messi in atto dalle aziende? Certo che no! Possiamo comunque fare la spesa in modo vantaggioso con un po’ di attenzione. Ecco alcuni suggerimenti per evitare le classiche trappole dei supermercati.

1) Lista della spesa

Compiliamo la lista della spesa prima di uscire di casa ed atteniamoci a mettere nel carrello soltanto ciò di cui abbiamo davvero bisogno. La lista della spesa è fondamentale per comprare in modo intelligente e per evitare gli sprechi sia di cibo che di denaro.

2) Il tempo è prezioso

Cerchiamo di raggiungere direttamente e solamente i reparti dove si trovano i prodotti di cui abbiamo bisogno senza perdere tempo a girovagare e senza lasciarci attirare troppo dalle offerte.

3) Attenzione alla fame

Cerchiamo di evitare di fare la spesa quando siamo affamati, per non rischiare di riempire il carrello di cibo che in realtà non ci serve.

4) Valutiamo le offerte

Cerchiamo di non limitarci alle offerte presenti sui volantini del supermercato quando facciamo la spesa. In quel negozio o in altri supermercati potrebbero essere presenti prodotti più convenienti.

5) Una spesa diversa

Cambiamo il nostro modo di fare la spesa: non esistono soltanto i supermercati ma anche i negozi di alimentari di paese e di quartiere (che non sempre sono davvero così cari come pensiamo), i mercati, le botteghe del commercio equo e i Gruppi di acquisto solidale.

Avete già cambiato il vostro modo di fare la spesa? Quali sono i vostri trucchi per una spesa intelligente?

Marta Albè

Fonte foto: Ibiza Connection

Leggi anche:

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram