disinfettanti fai-da-te

Candeggina addio! Per disinfettare la propria abitazione è possibile ricorrere a rimedi naturali che permettono di eliminare i batteri evitando di accumulare nel contempo, all'interno degli ambienti domestici, sostanze indesiderate che potrebbero essere invece contenute all'interno dei prodotti disinfettanti industriali.

Aceto, succo di limone, oli essenziali e bicarbonato di sodio possono rappresentare la soluzione per ottenere una casa pulita e disinfettata in maniera ecologica e non nociva. Qui di seguito troverete alcuni esempi relativi agli ingredienti da utilizzare per la preparazione di disinfettanti naturali per la casa adatti per la pulizia di pavimenti e di sanitari, per il bucato, per le stoviglie e non solo.

Aceto

aceto

L'aceto è uno dei disinfettanti e antimuffa naturali più potenti di cui ci possiamo servire. L'aceto puro è in grado di frenare la proliferazione dei microrganismi, fino a giungere ad annientare le colonie batteriche, come sempre più studi scientifici tendono ad evidenziare. Secondo uno studio condotto da parte dell'Università di Marilia, in Brasile, l'aceto possiede proprietà antibatteriche efficaci contro il colera. Lo studio in questione è stato condotto da parte di Kathia Brienza Badini, professoressa di Epidemiologia Medicina Veterinaria e Sanità Pubblica presso l'università brasiliana.

Sebbene, ad occhio nudo, non possiamo renderci conto dell'azione dell'aceto sui batteri e sui germi presenti sulle superfici della nostra casa, è immediatamente evidente il suo effetto sulla muffa che può presentarsi su pareti, fessure delle piastrelle o altre zone di una abitazione. Spugnature di aceto puro, applicate sulle parti in cui la muffa è presente e lasciate agire per alcune ore, permettono la scomparsa completa della muffa. L'azione dell'aceto puro può essere amplificata aggiungendo sulla spugna, sulla quale l'aceto sarà applicato mediante un flacone spray, poche gocce di olio essenziale di Tea Tree.

L'aceto, utilizzato puro sulle superfici, ha un immediato potere anticalcare, oltre che disinfettante. È consigliabile il suo utilizzo per lucidare le posate e per disinfettare il più possibile i coltelli, come insegnano i rimedi della nonna. Può essere utilizzato puro, o diluito in acqua (1 bicchiere di aceto + 1 bicchiere d'acqua), anche per la pulizia dei sanitari, per igienizzare le maniglie di porte e finestre e per lucidare le cromature di bagno e cucina, oltre che per pulire e disincrostare i fondi delle pentole in acciaio inossidabile e per il lavaggio di vetri e specchi.

L'azione disinfettante dell'aceto è dovuta al suo pH, che è inadatto alla sopravvivenza della maggiorparte dei germi.

Leggi anche: Aceto: 30 usi alternativi

Oli essenziali

oli essenziali

Vi sono diversi oli essenziali ritenuti come degli ottimi disinfettanti naturali. Tra di essi ne spiccano alcuni:

- Olio essenziale di timo bianco

- Olio essenziale di Tea Tree

- Olio essenziale di lavanda

- Olio essenziale di eucalipto

- Olio essenziale di limone

- Olio essenziale di bergamotto

- Olio essenziale di geranio

Ecco un esempio di disinfettante naturale a base di oli essenziali che può essere utilizzato sulle superfici lavabili della propria casa, con effetto antibatterico e antifungino:

  • 500 ml di acqua distillata
  • 25 gocce di olio essenziale di tea tree
  • 25 gocce di olio essenziale di lavanda

Gli ingredienti devono essere versati in un contenitore spray della capienza corretta, che dovrà essere agitato ogni volta prima dell'uso.

Un semplice rimedio per disinfettare i pavimenti piastrellati consiste invece nel versare in un litro d'acqua poche gocce di olio essenziale di timo bianco. L'acqua addizionata con l'olio essenziale verrà utilizzata per immergervi il panno che verrà passato sul pavimento.

Gli oli essenziali di eucalipto, lavanda e Tea Tree sono particolarmente adatti per disinfettare il bucato, anche nel caso si utilizzino dei pannolini lavabili per i propri bambini. Poche gocce di un olio essenziale a scelta possono essere versate nel catino utilizzato per l'ammollo dei panni e degli abiti o direttamente nel cestello della lavatrice.

Uno spray adatto da utilizzare in cucina, in particolar modo per la pulizia delle superfici lavabili dei piccoli elettrodomestici, può essere preparato miscelando in 200 ml di acqua di rubinetto, un cucchiaio di aceto a cui saranno state aggiunte 3 gocce di olio essenziale di limone e 3 gocce di olio essenziale di geranio. Si tratta di una soluzione adatta anche per la pulizia di sportelli, armadietti e superfici di tavoli e sedie. Può essere applicata utilizzando un panno di cotone o in microfibra. È necessario strofinare le parti da pulire, risciacquarle con un panno inumidito con sola acqua e infine asciugare.

Per disinfettare pentole e piatti, è possibile aggiungere nell'acqua dell'ammollo oppure in lavastoviglie alcune gocce di olio essenziale di limone.

Per disinfettare i sanitari è possibile utilizzare alcune gocce di oli essenziali puri da versare direttamente su di una spugnetta umida. I più indicati sono olio essenziale di timo bianco, lavanda e eucalipto, che possono essere anche versati in poche gocce in un contenitore spray con acqua da nebulizzare sul letto quando ci si trova in una stanza d'albergo per disinfettarlo.

Gli oli essenziali di eucalipto, timo bianco, geranio e lavanda possono essere utilizzati in una apposito diffusore per ambienti per disinfettare e liberare dai germi l'aria di casa. Bastano 4 gocce di un olio essenziale a scelta da aggiungere in un diffusore a candela dotato di vaschetta in cui versare l'acqua necessaria per diffondere le essenze.

LEGGI anche:

Oli essenziali: come usarli e da dove arrivano?

Oli essenziali: 20 possibili utilizzi per la bellezza, la casa e la salute

Lavanda: proprietà benefiche e i mille utilizzi per la salute e la casa.

Limone

limone

Il limone presenta proprietà antibatteriche naturali che lo rendono adatto alla pulizia della casa ed al lavaggio dei piatti. Il succo di limone può essere utilizzato puro per lucidare e per disinfettare gli oggetti in rame, oltre che per disincrostare e igienizzare le parti dei fornelli. A questo scopo sono adatte anche le rimanenze di bucce di limone ottenute dopo una spremuta, da strofinare sugli oggetti da pulire utilizzando la parte interna, ove siano rimasti ancora almeno un po' di polpa e di succo.

I limoni, comprensivi di polpa, buccia e succo, sono tra i tre semplici ingredienti da utilizzare per la preparazione di un detersivo per i piatti completamente naturale e ecologico, che prevede inoltre l'utilizzo di sale e di aceto. Potete consultare in proposito l'articolo "Detersivo piatti fai-da-te, 100% ecologico", dove troverete la ricetta ed il semplice procedimento per la sua autoproduzione.

Il succo di limone può essere utilizzato per la preparazione di una pasta abrasiva, in abbinamento al bicarbonato di sodio. 1 parte di succo di limone dovrà essere mescolata a 2 parti di bicarbonato di sodio fino ad ottenere un composto da applicare su di una spugna con un cucchiaino e da utilizzare per la pulizia delle parti più difficili della casa e della cucina, o delle stoviglie.

Per disinfettare e liberare dai germi l'aria della vostra cucina, è possibile portare ad ebollizione in un pentolino una manciata di scorze fresche o essiccate di limone insieme ad un cucchiaino di chiodi di garofano. Si potrà poi spegnere il fornello e il vapore sprigionato servirà a purificare l'aria.

LEGGI anche:

Limone: tutti i benefici e i 5 modi per utilizzarlo come rimedio naturale

22 usi, alimentari e non, del limone (scorza compresa)

Bicarbonato di sodio

bicarbonato

Il bicarbonato di sodio è considerato come un germicida, un antisettico e un disinfettante naturale molto versatile. Versando un cucchiaio di bicarbonato in 500 ml d'acqua di rubinetto si può ottenere una soluzione igienizzante adatta per la pulizia dei pavimenti e delle piastrelle.

Per lo stesso motivo il bicarbonato può essere aggiunto nella quantità di uno o due cucchiai nell'acqua dell'ammollo del bucato o dei piatti, oppure direttamente nel cestello della lavatrice. Può essere utilizzato in polvere per disinfettare e facilitare la rimozione delle macchie da zerbini e tappeti e può essere inoltre impiegato per la realizzazione di una pasta abrasiva per la pulizia delle stoviglie e dei fornelli, calcolando di utilizzare 1 parte d'acqua ogni 3 parti di bicarbonato (ad esempio, 1 cucchiaio d'acqua ogni 3 cucchiai di bicarbonato).

Leggi anche: 50 fantastici usi alternativi del bicarbonato di sodio

Marta Albè

Per ulteriori consigli su come pulire casa senza detergenti chimici vi consigliamo il nostro libro "La mia casa ecopulita - Detersivi fai da te ecologici ed economici" (Gribaudo 2014). Lo trovate in tutte le librerie Feltrinelli al prezzo di 14,99 Euro. Potete approfittare dello sconto di lancio del 15% acquistando il libro online:

libro

- sul sito di Feltrinelli

- Su Amazon

LEGGI ANCHE:

Detersivi fai-da-te: la guida alle pulizie ecologiche e convenienti

5 detersivi per il bucato fai-da-te

10 rimedi anticalcare fai da te

Rimedi naturali contro la muffa in casa

porta calcio decathlon 2018

Decathlon

Una porta da calcio per giocare in giardino tutto l'anno

cosmetici pelle lavera

Lavera

Come difendere la pelle dall'inquinamento quotidiano

banner guida pulizie

La guida alle pulizie eco

Tante informazioni, zero euro! Scaricala subito

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
seguici su instagram
guida pulizie
corsi greenme
whatsapp gratis