swiffer main

Eliminare dalle proprie abitudini l'impiego di tutto ciò che viene considerato usa-e-getta significa ridurre drasticamente la quantità di rifiuti prodotti ogni giorno all'interno della propria abitazione.

Nonostante alcuni spot pubblicitari martellanti cerchino di convincere i consumatori che l'utilizzo di panni catturapolvere usa-e-getta rappresenti la scelta migliore per liberarsi della polvere (pur coscienti che essa farà ritorno su mobili e pavimenti dopo poche ore), esistono per fortuna delle soluzioni alternative ad essi, come l'acquisto di panni lavabili e riutilizzabili più volte o il fai-da-te. Ecco alcuni consigli in proposito.

1) Panni in microfibra

Ecco l'alternativa più resistente tra quelle comunemente in commercio ai panni catturapolvere usa-e-getta. I panni in microfibra sono molto più resistenti rispetto ai primi. Possono essere utilizzati anche per anni senza che si rovinino e lavati a mano o in lavatrice per essere riutilizzati più volte anche nel corso della stessa giornata. Basterà inumidirli appena perché svolgano la loro azione catturapolvere sia se passati a mano sui mobili che strofinati sul pavimento con l'aiuto di uno spazzolone.

2) Vecchi calzini

I vecchi calzini possono essere conservati per utilizzarli semplicemente per spolverare mobili e soprammobili, magari appena inumiditi in modo che catturino la polvere in maniera ancora più rapida ed efficace. Le calze da uomo possono essere applicate direttamente al supporto utilizzato per i ben noti panni catturapolvere, un po' come ci viene proposto in questo video:

3) Vecchi asciugamani

panno cattura polvere asciugamani gm

Anche i vecchi asciugamani ormai inutilizzati possono essere trasformati in comodi panni catturapolvere lavabili da applicare al vostro spazzolone e da riutilizzare più e più volte, fino a quando gli asciugamani stessi non si saranno davvero consumati. Per la loro realizzazione vi basterà procurarvi alcuni vecchi asciugamani, alcuni bottoni piuttosto grandi e resistenti, una macchina da cucire o ago e filo, se siete abili nel cucito. Seguite le immagini di questo semplice tutorial per ottenere un panno catturapolvere nuovo di zecca.

4) T-shirt inutilizzate

swiffer magliette

Se possedete una t-shirt ormai consumata ed inutilizzata, di cui eravate ormai sul punto di liberarvi, recuperatela dall'armadio e provate ad utilizzarla per realizzare un panno catturapolvere su misura e particolarmente efficace per la pulizia dei pavimenti. Vi serviranno inoltre degli spilli, una macchina da cucire, a meno che non vogliate cimentarvi in un lavoro realizzato completamente a mano, e pochi altri strumenti. Prendete ispirazione da qui .

5) Panni lavorati a maglia

swiffer maglia

Se possedete particolari abilità nel lavoro a maglia, nulla vi vieta di cimentarvi nella realizzazione del vostro panno catturapolvere, magari andando alla ricerca di gomitoli di cotone resistente ormai dimenticati, che potranno dunque ritornare utili. Per apprestarvi nel lavoro vi serviranno inoltre ferri da maglia circolari, quattro bottoni e un ago da utilizzare per rifinire i bordi. Trovate qui le istruzioni complete ed alcune immagini a cui fare riferimento.

swiffer eatsy

I panni lavorati a maglia possono inoltre essere acquistati online da chi non si ritiene abbastanza abile per realizzarli da sé, ma desidera comunque rinunciare all'acquisto dei comuni panni catturapolvere usa-e-getta, che possono rivelarsi nel tempo spesso una spesa piuttosto onerosa, data la loro brevissima durata di utilizzo.

Marta Albè

Leggi anche:

- 8 riutilizzi creativi per i vecchi calzini

- T-shirt: 10 idee per riciclare creativamente le vecchie magliette

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram