Strofinacci batteri

Strofinacci nidi di batteri. L’uso ripetuto di canovacci in cucina potrebbe mettere le famiglie a rischio di intossicazione alimentare. Un loro utilizzo “multiplo”, infatti, aumenterebbe la possibilità di contaminazione incrociata di potenziali agenti patogeni che possono diffondere batteri e portare a contaminazioni pericolose.

A confermare l’esistenza di batteri sugli asciugamani che usiamo tra i fornelli sono stati i ricercatori dell’Università di Mauritius che hanno esaminato 100 asciugamani che erano stati usati per un mese.

Non solo, quindi, le spugne con cui laviamo i piatti, ma anche i canovacci si confermano essere - già un’altra ricerca li aveva elevati ad “oggetti più infestati da germi” in cucina - un bel ricettacolo di batteri.

Dallo studio il batterio più presente è risultato essere l’Escherichia coli, che si trova soprattutto negli asciugamani multiuso, come quelli per pulire i mestoli o asciugare le mani in cucina, confermando un dato: l’uso multiplo dei canovacci aumenta la possibilità di contaminazione e la diffusione dei batteri.

Lo studio

I ricercatori hanno coltivato i batteri trovati sugli asciugamani per identificarli e hanno determinato il loro carico virale. Di questi, il 49% ha visto formarsi una crescita batterica, una percentuale che aumentava nel momento in cui ad usare lo strofinaccio era una famiglia numerosa o con bambini.

Dei 49 campioni positivi alla crescita batterica, il 36,7% ha sviluppato batteri coliformi, un gruppo che comprende gli E. coli, mentre sul 14,3% aveva preso vita lo stafilococco aureo.

Batteri coliformi e stafilococchi sono stati trovati con una “prevalenza significativamente più alta” sugli asciugamani delle famiglie che mangiavano carne e ricordiamo che i batteri coliformi possono causare una vasta gamma di condizioni nell’uomo, dai crampi allo stomaco alla febbre e vomito a condizioni più gravi come la polmonite e le malattie respiratorie, mentre i batteri di Staphylococcus aureus possono portare a condizioni potenzialmente letali come la meningite, la batteriemia e la sindrome da shock tossico.

Il nostro studio dimostra che la composizione familiare e le pratiche igieniche in cucina hanno influenzato il carico microbico degli asciugamani da cucina - afferma Susheela Biranjia-Hurdoyal dell’Università di Mauritius. Abbiamo anche scoperto che la dieta, il tipo di utilizzo e gli asciugamani da cucina umidi potrebbero essere molto importanti nel promuovere la crescita di potenziali patogeni responsabili dell’avvelenamento da cibo”.

Come fare allora per evitare intossicazioni? Quel che è fondamentale è seguire lettera per lettera tutte le regole di igiene in cucina, oltre a cambiare regolarmente gli strofinacci e gli strofinacci e assicurarsi che le superfici di preparazione dei cibi siano pulite prima e dopo l’uso.

Leggi anche:

Germana Carillo

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram