dixan dash multa

Possiamo davvero fidarci degli spot pubblicitari dei detersivi prodotti dalle multinazionali? L'Antitrust è intervenuta ancora una volta per mettere in guardia i consumatori dalla pubblicità ingannevole e per fermare le pratiche scorrette attuate dalle aziende. Dixan non lava meglio di Dash, ecco l'ultima sentenza.

Henkel (Dixan), questa volta non potrà avere la meglio su P&G (Dash). Entrambi i detersivi per il bucato risulterebbero equivalenti dal punto di vista dei risultati sul bucato, a differenza di quanto recita uno spot comparativo ideato per promuovere Dixan. Tra Dash e Dixan vi è una sostanziale parità di risultati in termini di lavaggio.

Anche la nuova formulazione del prodotto Dixan non risulterebbe miracolosa. Uno degli spot di Henkel puntava su una pubblicità comparativa che sosteneva che il nuovo Dixan "rimuove le macchie meglio del principale concorrente già a basse temperature". Quante volte i consumatori avranno fatto il bucato con uno dei due noti detersivi senza ottenere i risultati sperati?

Non sempre i prodotti che troviamo tra gli scaffali del supermercato mantengono le promesse e quando estraiamo il bucato dal cestello della lavatrice, le macchie sono ancora dove le avevamo lasciate. Secondo quanto comunicato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, lo spot pubblicitario comparativo è ingannevole visto che:

"Dalle risultanze istruttorie, è emerso che anche nella nuova formulazione del prodotto Dixan, tra i due detersivi Dixan e Dash vi è una sostanziale parità di efficacia in termini di risultati di lavaggio". L'Autorità ha dunque disposto l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 5.000 a 5.000.000 di euro, tenuto conto della gravità e della durata della violazione.

L'ammontare effettivo della sanzione comminata a Henkel sarebbe pari a 50 mila euro. In precedenza l'Autorità aveva colpito anche P&G, proprio in relazione al detersivo Dash, con una multa da 100 mila euro, per via del messaggio ingannevole: "un nostro misurino vale uno e mezzo del concorrente".

Il "bianco che più bianco non si può" è dunque soltanto una chimera? Spesso i comuni detersivi per rimuovere le macchie più difficili non bastano. Ecco che allora ritornano utili i rimedi della nonna che ci suggeriva, ad esempio, di strofinare bene le macchie con il sapone di Marsiglia e di lasciarlo agire a lungo prima di passare al lavaggio vero e proprio.

Non solo i detersivi proposti dalle multinazionali non mantengono le promesse di un pulito splendente e di un bucato senza macchie ma, per via della loro composizione e dei processi produttivi, contribuiscono ad inquinare l'ambiente. Per fortuna, anche al supermercato si trovano ormai prodotti alternativi, formulati per risultare ecologici e più rispettosi del Pianeta, sempre garantendo un'efficacia reale. Senza dimenticare tutti i rimedi della nonna e fai-da-te che abbiamo a disposizione per fare il bucato ed eliminare più facilmente le macchie dagli abiti.

Consulta qui il bollettino dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

Marta Albè

Per ulteriori consigli su come pulire casa senza detergenti chimici vi consigliamo il nostro libro "La mia casa ecopulita - Detersivi fai da te ecologici ed economici" (Gribaudo 2014). Lo trovate in tutte le librerie Feltrinelli al prezzo di 14,90 Euro. Potete approfittare dello sconto di lancio del 15% acquistando il libro online:

- Sul sito di Feltrinelli

- Su Amazon

LEGGI anche:

Macchie: 10 trucchi e rimedi per rimuovere le più difficili
Detersivi fai-da-te: come autoprodurre il sapone per la lavatrice (liquido e in polvere)
50 fantastici usi alternativi del bicarbonato di sodio

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram