Vivisezione: uccisi per combattere le rughe. Basta test sugli animali per il botox

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sapevate che ancora oggi i topi vengono usati per testare la tossina botulinica? Il botox, infatti, è un componente diffuso in molti prodotti per combattere rughe e segni della pelle e, nonostante nell’Unione Europea viga una Direttiva che dal 2013 vieta totalmente ogni forma di sperimentazione sugli animali per fini cosmetici per fini cosmetici, ancora oggi compagnie farmaceutiche come la tedesca Merz, l’inglese Ipsen e la giapponese Eisai, uccidono migliaia di animali ogni anno, scavalcando il vincolo legislativo per il fatto che tale tossina viene iniettata e non spalmata sulla pelle, come previsto per i cosmetici.

Per i topi, sui quali la tossina botulinica viene testata, non c’è scampo: muoiono dopo lente agonie e spasmodiche convulsioni, in seguito all’iniezione di alti dosaggi del principio cosmetico, che paralizza lentamente il sistema respiratorio e porta alla morte dopo ore di progressivo soffocamento. Se l’animale sopravvive all’esperimento, al termine della procedura viene ugualmente soppresso.

Per questo la Coalizione Europea Contro la Vivisezione – ECEAE, di cui la LAV è rappresentante in Italia, che da quattro anni conduce una campagna internazionale contro l’uso di topi per testare la tossina botulinica, ha lanciato una settimana di iniziative in tutta Europa contro la sperimentazione animale per il botox.

La LAV, insieme alle altre Associazioni animaliste della coalizione ECEAE chiede, quindi, che le aziende europee mettano fine a questa inutile sofferenza, ricorrendo da subito a test alternativi. La compagnia americana Allergan ha ottenuto oltre quattro anni fa l’approvazione di un metodo basato su cellule (BotoxTM), dimostrando come sia possibile, oltre che doveroso, testare la tossina botulinica senza animali.

“È inaccettabile che migliaia di topi continuino a soffrire e a morire per un prodotto ampiamente diffuso in ambito cosmetico quando, oltretutto, è già disponibile un metodo alternativo – dichiara Michela Kuan, Biologa e Responsabile del Settore Vivisezione della LAV – è necessario che le autorità e le ditte coinvolte si impegnino immediatamente per far cessare questi crudeli esperimenti sugli animali”.

Per inviare una lettera di protesta alle aziende che producono botox clicca qui

Per maggiori informazioni clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Test cosmetici sugli animali: da oggi stop in tutta Europa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook