Shampoo per capelli fragili: ecco quelli che funzionano, ma sono pieni di siliconi e plastica

Uno studio svizzero mette in guardia sugli shampoo cosidetti “riparatori” che poco o nulla proteggono i capelli, ma sono pieni di siliconi e plastiche

Sono detti “riparatori” perché avrebbero il miracoloso scopo di porre rimedio ai capelli danneggiati. Tinte, pieghe selvagge e cotonamenti vari, si sa, non giovano alla capigliatura ed è così che in commercio c’è una marea di varianti di lavaggi che promettono l’impossibile: ridare vitalità al capello distrutto. Ma non è così. Gli shampoo riparatori funzionano davvero?

Secondo un’indagine condotta da una rivista svizzera, infatti, molti prodotti che si trovano in commercio in realtà non sono in grado di garantire di “proteggere” i capelli e, in più, quasi tutti contengono sostanze indesiderate.

Si tratta del mensile K-tipp, che ha testato 12 marchi di shampoo comunissimi svolgendo un’analisi specifica: quanti capelli, nonostante lo shampoo, si rompono mentre ci si pettina?

Le analisi

Per le analisi, 12 shampoo sono stati sottoposti a quattro distinti test di laboratorio allo SGS Institut Fresenius di Taunusstein, nei quali si sono presi in considerazione diversi punti:

Fragranze: 26 fragranze con aumentato potenziale allergico devono essere dichiarate a 100 mg / kg su flaconi di shampoo. Nelle valutazione, K-tipp ha sottratto 0,1 punto da 100 mg / kg per le fragranze debolmente allergeniche, un punto per le fragranze fortemente allergeniche

Efficacia: per valutare l’efficacia, gli esperti hanno applicato ogni shampoo a cinque capi lasciandolo in posa ad agire per due minuti. Dopo hanno risciacquato e pettinato con una macchina che ha simulato 20mila spazzolature

Composti policiclici aromatici: considerate sostanze pericolose per la salute, gli shampoo che li contenevano hanno avuto una penalizzazione di 0,5 punti

Diossano: sospettato di provocare il cancro, nelle analisi non sono state trovate tracce di diossano in alcun prodotto.

I risultati

Gli shampoo di riparazione testati differivano enormemente l’uno dall’altro nel loro effetto protettivo.

A seconda del prodotto, si va dallo 0,4% dei capelli spezzati (“Salonplex Reparatur Revolution” di Syoss) al 9,1% (“Cien Pro Vitamin Shampoo Repair & Care” di Lidl). Nel confronto, inoltre, il 4,3% dei capelli si è spezzato con ciocche di capelli lavati soltanto con acqua e i prodotti in cui i capelli sono caduti di più rispetto al lavaggio con acqua hanno ricevuto una valutazione insufficiente e sono: gli shampoo di riparazione Guhl, Herbal Essences, Kérastase e Lidl.

shampoo ripara
shampoo ripara 1

Nel complesso, solo 7 prodotti hanno superato la prova: il loro uso non avrebbe provocato rotture durante la spazzolatura. Tra questi compaiono alcuni marchi come Fructis, L’Oreal e Nivea, mentre sono stati bocciati due Pantene e Kerastase.

La presenza di siliconi

Come c’era da aspettarsi, 9 dei 12 prodotti analizzati contengono siliconi di plastica, che sì coprono i capelli come uno scudo protettivo e li rendono più facili da pettinare, ma a lungo andare indeboliscono il capello ancora di più.

Le marche di shampoo che non contengono siliconi sono:

  • Rausch
  • Kérastase
  • Pantene Pro-V

Ma contengono comunque fragranze critiche.

Resta, alla luce di ciò, il fatto che dobbiamo affidarci solo a prodotti con un INCI impeccabile e, perché no, fare affidamento ai cari vecchi rimedi naturali anche per la cura dei nostri capelli.

Leggi anche

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook