@Oilslo/123rf

Olio di Moringa: proprietà e come usarlo per incredibili benefici su pelle e capelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’olio di Moringa è ricco di benefici, da sempre usato come rimedio nella medicina popolare, scopriamo come usarlo per pelle e capelli

L’olio di Moringa è derivato dai semi della Moringa oleifera, un piccolo albero originario delle montagne dell’Himalaya. Praticamente tutte le parti dell’albero, compresi i semi, le radici, la corteccia, i fiori e le foglie, possono essere utilizzate per scopi nutrizionali, industriali o medicinali.

Per questo motivo, a volte viene chiamato “l’albero dei miracoli”, è anche chiamato albero della bacchetta, in riferimento alla forma dei suoi baccelli. (Leggi anche: Oli essenziali: cosa sono e le giuste dosi per utilizzarli al meglio)

Cos’è l’olio di Moringa?

I semi di Moringa hanno un alto contenuto di olio e contengono molti composti nutrizionali, inclusi grassi monoinsaturi, proteine, steroli e tocoferoli. L’olio di Moringa viene prodotto attraverso una varietà di processi industriali, tra cui l’estrazione con solvente e la spremitura a freddo. È disponibile come olio essenziale e come olio da cucina, ed è anche un ingrediente presente in molti prodotti per capelli e pelle.

Prodotti all’olio di Moringa

L’olio di Moringa si può trovare come:

  • olio da cucina: da utilizzare nella frittura e nella cottura
  • olio essenziale: da utilizzare localmente su pelle e capelli: come? Basta diluire sempre qualsiasi olio essenziale con un olio vettore prima dell’uso.
  • ingrediente in prodotti per la cura della pelle e dei capelli: come sapone, detergente liquido, tonico idratante, olio da massaggio, shampoo e balsamo per capelli.

Usi e benefici dell’olio di Moringa

L’olio di Moringa è stato usato come cura nella medicina popolare, e come ingrediente cosmetico topico fin dai tempi antichi. Oggi viene prodotto per un’ampia gamma di usi personali e industriali, come:

  • olio da cucina: l’olio di Moringa è ricco di proteine ​​e acido oleico, un grasso monoinsaturo e salutare. Quando viene utilizzato per cucinare, è un’alternativa economica e nutriente agli oli più costosi 
  • detergente topico e idratante: l’acido oleico dell’olio di Moringa lo rende ottimo se usato localmente come detergente, e come idratante per pelle e capelli
  • gestione del colesterolo: l’olio di moringa commestibile contiene steroli, che hanno dimostrato di abbassare il colesterolo LDL o “cattivo”
  • antiossidante: il beta-sitosterolo, un fitosterolo presente nell’olio di Moringa, può avere effetti antiossidanti e antidiabetici, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per confermarlo
  • antinfiammatorio: l’olio di Moringa contiene diversi composti bioattivi che hanno proprietà antinfiammatorie, sia se ingerite sia se usate localmente. Questo può renderlo utile per combattere l’acne, ad esempio; questi composti includono tocoferolo, catechine, quercetina, acido ferulico e zeatina

Ecco alcuni consigli per usare l’olio di Moringa.

Detergente viso

L’olio di Moringa è l’ideale da inserire come primo step della routine di pulizia. E’ stato dimostrato che, come risultato della continua idratazione, potresti anche notare una riduzione della produzione di sebo; quindi, è l’ideale da usare come trattamento in caso di pelle grassa.

L’olio di moringa è abbastanza delicato da fungere da olio vettore per ingredienti più potenti, anche se dovresti provarlo sul braccio prima di usarlo sul viso. Per un detergente delicato, unisci parti uguali di olio di moringa, olio di tamanu e olio di ricino nero; massaggialo sulla pelle umida, con un panno pulito se desideri esfoliare, e subito dopo risciacqua.

Protezione solare

Uno studio del 2018 ha dimostrato che gli estratti di moringa hanno un SPF pari a 2; ovviamente è molto basso, ma puoi aggiungerlo alla tua crema solare. Applica sempre oli per il viso prima della protezione solare.

Burro per il corpo fai da te

L’olio di Moringa è un concentrato di acido oleico, è la sua componente principale e costituisce circa un quarto della sua intera composizione, si tratta di un celebre emolliente. E’ stato dimostrato che penetra in profondità nella pelle, idrata e blocca l’umidità all’interno.

Occorre, però, fare attenzione poiché una ricerca ha individuato come l’olio di Moringa possa compromettere la funzione della barriera cutanea. Di conseguenza, è opportuno limitarne l’uso a non più di due volte a settimana e mescolarlo con un olio vettore più delicato, come l’olio di mandorle in caso di pelle particolarmente sensibile.

Prepara il tuo burro per il corpo con:

Procedimento:

  • fai ammorbidire il burro di karitè a bagnomaria, quindi montalo con un frullatore a immersione, aggiungendo dopo un paio di minuti gli oli
  • una volta che gli oli sono ben miscelati, aggiungi l’amido di tapioca e mescola bene
  • finisci con un massimo di 30 gocce di olio essenziale (opzionale)

Trattamento spot per macchie cutanee

L’abbondanza di proprietà antimicrobiche e antinfiammatorie dell’olio di Moringa lo rende un ottimo trattamento naturale per le macchie cutanee. Quando applicato su una macchia, il versatile estratto vegetale aiuta ad assorbire sporco e batteri dai pori, riducendo potenzialmente alcuni arrossamenti e gonfiori; anche le vitamine A, C ed E promuovono il recupero della pelle.

Maschera per il viso

L’olio di Moringa è ottimo da usare come ingrediente per una maschera viso nutriente, con semi di lino e yogurt greco. Basta unire uno o due cucchiai di semi di lino (a seconda dello spessore desiderato), tre cucchiai di yogurt greco (o un’alternativa vegana) e quattro gocce di olio di Moringa, e lasciare il composto sul viso per circa 30 minuti. Trascorso il tempo, procedi con il risciacquo.

Trattamento per il cuoio capelluto

Un regolare massaggio del cuoio capelluto con olio di Moringa, da applicare preferibilmente entro pochi minuti dall’uscita dalla doccia, quando la pelle è ancora umida, potrebbe aiutare ad alleviare prurito e desquamazione. I suoi abbondanti acidi grassi aiutano a bloccare l’umidità e a mantenere la testa idratata, anche dopo averla sciacquata.

Per un trattamento fai da te per i capelli puoi usare:

  • 2 tazze di un olio vettore, come l’olio di mandorle, che ha proprietà idratanti
  • 5-10 gocce di olio di moringa
  • 5-10 gocce di un olio essenziale benefico, come lavanda o olio di melaleuca

Procedimento:

  • mescola gli oli in una ciotola o in una bottiglia di vetro
  • applica sui capelli, massaggiando fino alle radici
  • copri i capelli e lascia in posa tutta la notte
  • procedi con lo shampoo e condiziona i capelli come al solito

Puoi anche scaldare questa miscela per alcuni secondi in forno a microonde, in modo che possa rilasciare il suo profumo intenso dovuto al riscaldamento degli oli.

Olio di Moringa in cucina

Uno dei modi migliori per ottenere una pelle radiosa con l’olio di Moringa è ingerirlo. Dopotutto, la tua pelle è un organo, il tuo più grande, e dovrebbe essere nutrito dall’interno.

Il grasso monoinsaturo derivato dai semi è ricco di vitamine e fitonutrienti, che viaggiano attraverso il corpo favorendo la rigenerazione cellulare, lasciandoti così una pelle elastica ed energizzata. Puoi prendere l’olio di moringa in pillole e aggiungerlo ai frullati, oppure cucinarlo aggiungendolo ai tuoi piatti. Assicurati solo che l’etichetta specifichi che è per uso alimentare.

Come scegliere l’olio di Moringa

L’olio di Moringa viene talvolta chiamato olio di behen o ancora olio di ben, a causa del suo contenuto di acido behenico. Prima dell’acquisto, cerca sempre di vedere se si tratta di un olio vettore o essenziale, poiché come con qualsiasi olio essenziale, l’olio di moringa deve essere miscelato con un olio vettore prima dell’uso topico. 

Ricorda, inoltre, che l’olio essenziale di Moringa potrebbe non essere commestibile e non deve essere assunto internamente. Se lo acquisti per cucinare, quindi, scegli un olio per uso alimentare spremuto a freddo, poiché alcune tipologie sono prodotte in grandi lotti tramite estrazione con solvente, per essere utilizzate come carburante o come lubrificante per macchinari. 

Se hai intenzione di usarlo per cucinare o per uso topico sulla pelle, cerca un olio spremuto a freddo, biologico ed etichettato per tali scopi. Controlla com’è stato prodotto, ossia, cerca un produttore che sia trasparente sull’approvvigionamento e sui processi e meccanismi di produzione. Guarda anche il colore dell’olio e la sua chiarezza; opta sempre per un prodotto di colore giallo pallido con un leggero profumo di arachidi. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook