Addio alle microplastiche nei cosmetici, ma il divieto non varrà per tutti i prodotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Microplastiche nei cosmetici: dal 2020 si dirà addio alle microplastiche e alle plastiche “oxo-degradabili”, quelle che si frammentano con luce e caldo, nei prodotti che usiamo in bagno. Una risoluzione, quella europea, che però non avrà la stessa valenza per tutti i prodotti: a dire addio alle microplastiche, infatti, sarà solo la cosmetica da risciacquo.

Se da un lato, l’Italia è all’avanguardia in fatto di regolamentazione dei frammenti contenuti nei flaconi di detergenti esfolianti e scrub, la messa al bando non vale per tutti i tipi di creme. È per questo che noi consumatori non dobbiamo dimenticare di guardare sempre e comunque l’etichetta.

Secondo quanto si apprende dalla legge di Bilancio 2018dal 1° gennaio 2020 è vietato mettere in commercio prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche”.

Non tutti i cosmetici, di fatto, vengono inclusi nella legge, ma solo gli esfolianti e i detergenti che hanno bisogno di risciacquo: ad essere cioè coinvolti nel divieto sono i cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente, quel tipo di prodotti che contengono microplastiche che agiscono insomma come esfoliante sulla pelle. Per intenderci, altri prodotti denominati “cosmetici”, come i trucchi con i glitter luccicanti, potranno essere ancora commercializzati.

Insomma, a gennaio l’uso sarà proibito per i prodotti specificati dalla legge ma non per gli altri cosmetici non esfolianti, detergenti e senza risciacquo.

L’indicazione di eventuali plastiche si trovano nell’elenco degli ingredienti, il cosiddetto INCI. Come indica la stessa Unep, la dicitura che ne indica la presenza può essere:

  • Polyethylene (PE)
  • Polymethyl methacrylate (PMMA)
  • Nylon
  • Polyethylene terephthalate (PET)
  • Polypropylene (PP)

Dal 2020 non li troveremo più anche se già da tempo molte aziende cosmetiche hanno sostituito il polietilene degli scrub o dei cosmetici a risciacquo con altri ingredienti esfolianti alternativi e 100% biodegradabili.

Le microplastiche nei cosmetici sono di fatto ingredienti esfolianti molto delicati. Si tratta in definitiva di minuscole sfere la cui dimensione non supera i 5 mm e, anzi, in alcuni cosmetici la loro dimensione è davvero microscopica, pari a 0,1 μm.

Eppure, anche se minuscole, anche loro hanno contribuito al disastroso inquinamento dei fiumi e dei mari. D’ora in poi molte di esse non ci saranno più, per tutto il resto ecco qui 10 ricette facile di scrub per il viso fai-da-te.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook