Microgranuli inquinanti nei cosmetici: l’Illinois è il primo Stato a metterli al bando

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Illinois è il primo Stato che decide di mettere al bando i microgranuli inquinanti presenti in alcuni prodotti cosmetici, come scrub, detergenti per il viso e dentifrici. I microgranuli, che svolgono un’azione esfoliante o leggermente abrasiva, sono composti da materie plastiche derivate dal petrolio e inquinano le acque di laghi e fiumi.

È proprio per via del pericolo di inquinamento che negli Stati Uniti lo scorso febbraio è nata una proposta per la messa al bando dei microgranuli (microbeads). La loro presenza nei cosmetici è facilmente riconoscibile per via della consistenza del prodotto e grazie alle descrizioni presenti in etichetta.

Anche se in Italia i microgranuli vengono ancora utilizzati per la produzione di dentifrici e cosmetici, possiamo evitare facilmente l’acquisto dei prodotti che li contengono. La dicitura “con microgranuli” presente sulle confezioni dovrebbe bastare come indicazione, ma nell’INCI possiamo andare alla ricerca di sostanze come polyethylene e polypropylene.

Alcune aziende statunitensi avrebbero già reso nota la volontà di eliminare i microgranuli dai propri prodotti entro il 2015, ma l’Illinois sembra aver preso una decisione definitiva. I microgranuli dagli scarichi domestici giungono fino a mari e oceani e arrivano a contaminare la catena alimentare. Pensiamo, ad esempio, a pesci e animali acquatici.

I microgranuli costituiti da materie plastiche non sono biodegradabili, ecco perché risultano così minacciosi dal punto di vista dell’inquinamento delle risorse idriche. Negli Stati Uniti l’inquinamento da microgranuli interessa soprattutto i Grandi Laghi. Oltre all’Illinois, anche lo Stato di New York e la California starebbero prendendo provvedimenti.

Il governatore dell’Illinois Pat Quinn ha firmato la scorsa domenica la nuova legislazione per mettere al bando la vendita e la produzione di prodotti che contengano microgranuli sintetici realizzati con materie plastiche. Secondo il governatore, questo provvedimento permetterà di assicurare acque più pulite nel Lake Michigan e nei laghi e fiumi circostanti, che rappresentano alcune delle risorse idriche più importanti per l’Illinois.

La messa al bando dei microgranuli dai processi di produzione dovrà avvenire entro il 2017 mentre le vendite dei prodotti che li contengono cesseranno in Illinois entro il 2018. A quando un simile provvedimento anche in Italia e in Europa?

Marta Albè

Fonte foto: shutterstock.com

Leggi anche:

Microgranuli inquinanti nei cosmetici: dagli Usa una proposta per metterli al bando

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook