Sostanze cancerogene nei gel doccia uomo: i risultati dell’analisi tedesca

test-gel-doccia-uomo

Un test ha valutato la qualità e la sicurezza dei gel doccia per uomo analizzando 50 differenti prodotti. Cosa ha scoperto? Che quasi un terzo di questi bagnoschiuma contiene sostanze sospette e potenzialmente pericolose o cancerogene.

Praticamente ogni uomo usa il gel doccia per la propria igiene quotidiana. La rivista tedesca Oko-test ha condotto un’indagine su questi prodotti con l’intento di capire se fossero davvero sicuri per la salute. Per fare questo ha scelto di analizzare 50 gel doccia per uomo di marche più o meno note (alcune vendute anche in Italia) tra cui anche cosmetici di origine biologica e naturale.

Tra questi troviamo prodotti Nivea, L’Oréal, Dove e Dusch Das, nonché cosmetici naturali ed etichette private di supermercati, discount e farmacie. Al centro delle analisi di laboratorio sono state soprattutto fragranze e conservanti rischiosi per la salute eventualmente  contenuti in questi prodotti.

Risultati del test

Dai risultati del test è emerso che quasi un terzo di questi prodotti presenta caratteristiche o ingredienti dubbi. Ovvero 14 prodotti su 50 falliscono ottenendo punteggi come “scarso” o “insufficiente”.

Le sostanze pericolose contenute nei gel doccia

Tra i prodotti peggiori troviamo l’Oréal Men Expert Hydra Energy 100 MG. In questo prodotto è stata trovata formaldeide. Non è chiaro come questa sostanza sia penetrata nel gel doccia ma, in ogni caso, si tratta di un ingrediente indesiderabile e pericoloso. La formaldeide può irritare le mucose e scatenare allergie mentre, se inalata, è considerata cancerogena.

Lo stesso gel doccia contiene anche PEG (polietilenglicoli e sostanze chimicamente correlate) che lo rendono schiumoso e più adatto alla pulizia ma che allo stesso consentono alla pelle di diventare più permeabile a sostanze estranee. Sono stati trovati anche polimeri sintetici, si tratta di composti plastici solubili che entrano nelle acque reflue e possono avere un impatto negativo sull’ambiente.

Oltre che nel gel doccia L’Oreal, anche in altri sei prodotti sono state trovate tracce di formaldeide, fragranze problematiche o PEG.

Tra questi vi è il Dove Men + Care Clean Comfort che però, quanto meno, aveva dichiarato in etichetta un conservante in grado di rilasciare formaldeide. Il fornitore Unilever, come risposta al test, ha annunciato che il prodotto ha avuto una nuova formulazione senza formaldeide (e senza Lilial) da aprile 2019. Il gel doccia Dove era anche l’unico nel test che presentava oli minerali a base di idrocarburi aromatici (MOAH), che possono agire da cancerogeni genotossici, ed è la prima volta che queste sostanze vengono trovate nei gel doccia.

13 gel doccia contenevano profumazioni, in 8 veniva usato Lilial. Questo ingrediente potrebbe mettere a rischio la fertilità maschile, già troppo ridotta negli ultimi anni in Europa. Gli esperti di Oko-test suggeriscono quindi di evitare l’utilizzo di questa fragranza in misura precauzionale.

Questi sono i gel doccia peggiori secondo la classifica di Oko-Test.

I gel doccia migliori

Tra i migliori gel doccia troviamo una serie di cosmetici naturali, tutti impeccabili nei test. La rivista tedesca ci consiglia di prestare particolare attenzione quando acquistiamo questi prodotti e in particolare di:

  • Scegliere cosmetici naturali certificati
  • Lasciare sugli scaffali i prodotti nel cui elenco degli ingredienti compaia il “Butylphenyl Methylpropional” (ossia il Lilial).

Qui trovate un’anteprima di tutti i gel doccia per uomo che hanno ottenuto come punteggio “molto buono” o “buono”.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook