Gaza: Garnier invia cosmetici alle soldatesse israeliane a Gaza. Insorge il web

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le immagini stanno facendo il giro del web e dei social network all’estero e Al Jazeera ne ha appena dato notizia. Garnier ha inviato centinaia di prodotti di bellezza alle soldatesse israeliane che operano a Gaza, in modo che possano “farsi belle anche in tempo di guerra”. L’associazione Stand With Us, che supporta Israele, ha pubblicato su Facebook un’immagine delle soldatesse in posa, felici e sorridenti.

E in poco tempo è stata avviata una campagna di boicottaggio online nei confronti di Garnier. Saponi, deodoranti, shampoo e altri prodotti, ecco l’omaggio di Garnier (che fa parte del gruppo L’Oreal) a chi, purtroppo, sta contribuendo ad una guerra che vede numerose vittime tra i civili, adulti e bambini.

L’immagine delle soldatesse è accompagnata da un messaggio in cui si ringrazia Garnier dell’invio dei prodotti destinati a coloro che si trovano impegnate a “proteggere Israele”. Non sono mancati i commenti immediati, espressi a sfavore di Garnier, ma anche le opinioni favorevoli e le parole di supporto. Quale significato potrebbe avere un simile gesto se non quello di farsi pubblicità – approfittando di una situazione tragica – e di dare supporto alla guerra?

Le donne, israeliane e palestinesi insieme, potrebbero unire le loro forze per lanciare un messaggio di pace. Invece, ecco le soldatesse dell’esercito di Israele sorridere nel bel mezzo della tragedia per un omaggio davvero discutibile, che avrebbe potuto benissimo non essere sfoggiato sul web.

“Usiamo sempre i prodotti Garnier prima di uccidere i bambini palestinesi bombardando scuole impiegate come rifugi” – questo uno dei messaggi utilizzati sul web per il lancio della campagna di boicottaggio contro Garnier. Ora che il supporto dell’azienda francese al conflitto è palese, continuereste ad acquistarne i prodotti? Non sarebbe stato meglio inviare aiuti alle vittime (di qualsiasi fazione) e alle loro famiglie?

Marta Albè

Leggi anche: Chiquita: quelle banane al sapore di guerra, terrorismo e impunità?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook