EcoBio Soleil: per l’estate 2010 la prima linea di solari biologici equosolidali

linea-solare-biologica-fairtrade

L’estate è alle porte e si avvicina la voglia di mare e di vacanza. Con essa anche la necessità di scegliere prodotti in grado di proteggere adeguatamente la nostra pelle senza inquinare e senza mettere al repentaglio la nostra salute. Sui solari biologici e sui consigli per proteggerci dal sole, già lo scorso anno vi abbiamo ampiamente documentato, ma arriva adesso in Italia Eco bio soleil di Esprit Equo, la prima linea di cosmetici realizzata con ingredienti certificati Fairtrade.

Esprit bio soleil apre infatti il mercato italiano alla cosmesi equosolidale ancora non presente nel nostro paese. A commercializzarla ci ha pensato Commercio Alternativo, la storica centrale di importazione di prodotti del commercio equo e solidale che la distribuirà nelle Botteghe del mondo e nei Negozi Naturasì.

Questi solari possono vantare non poche referenze, a partire dall’utilizzo come filtro di protezione del biossido di titanio che contrariamente agli altri filtri chimici, non assorbe i raggi UVA e UVB, ma li riflette senza subire alcun tipo di alterazione e senza irritare l’epidermide. Per questo si adattano a tutti i fototipi e di pelle, anche le più sensibili, come quelle dei bambini.

Tutta la linea EcoBio Soleil, composta da latte solare spray bassa protezione (spf 6), media protezione (spf 15), alta protezione (spf 30) e doposole rinfrescante all’olio di Argan è antiallergica, dermatologicamente testata, non contiene conservanti, né tanto meno nichel e Gluten.

Tutte le materie prime utilizzate per produrre questi solari, inoltre, derivano da agricoltura biologica certificata ECOCERT, CuC (Control Union Certificate) e IMO Control, mentre il prodotto finito è certificato in Italia da ICEA, ma anche dalla LAV (Lega Anti Vivisezione) per avere la certezza che si tratti di prodotti per la quale non sono stati effettuati test sugli animali.

Degli ingredienti utilizzati, poi, ben 5 sono certificati Fairtrade: il miele del Nicaragua, il burro di Karitè del Burkina Faso, l’olio di Noce dell’Amazzonia del Perù, l’olio di cocco dello Sri Lanka e l’olio di oliva della Palestina.

E non è tutto perché anche il packaging, in monomateriale riciclabile al 100% è stato pensato per ridurre al minimo l’impatto ambientale. Dunque non ci resta che andare a testarli noi sotto l’ombrellone!

Simona Falasca

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

corsi pagamento

seguici su facebook