Make-up precoce: casi di dermatite in aumento nelle bambine per colpa dei cosmetici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La questione della sicurezza dei cosmetici è un argomento estremamente delicato. Essa dovrebbe essere tenuta ancora di più sotto osservazione per via dell’ampia fascia femminile che utilizza trucchi e make-up di vario genere. Non sono soltanto donne ed adolescenti a ritrovarsi quotidianamente di fronte allo specchio per farsi belle con la trousse alla mano, ma anche bambine molto piccole, con la spiacevole conseguenza di un aumento dei casi di dermatite in età pediatrica dovuta al make-up precoce.

Mai come nell’ultimo periodo si sarebbe assistito ad un fenomeno così diffuso da destare la preoccupazione dei medici nei confronti delle nuove abitudini delle bambine che desiderano imitare le loro mamme o determinati personaggi televisivi e dello spettacolo, oppure che si ritrovano ad essere incantate dall’ampia reclamizzazione di cosmetici e trucchi come arma infallibile per sentirsi immediatamente più belle e dunque degne di attenzione da parte degli adulti.

L’allarme è stato lanciato da parte del presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), Giuseppe Mele, il quale si rivolge agli adulti accusandoli per via della loro tendenza sempre più presente a considerare i figli, in particolare le bambine, come giocattoli in vetrina da spettacolarizzare e come un accessorio dei desideri dei genitori, da abbellire a proprio piacimento, probabilmente al fine di ottenere l’apprezzamento altrui.

Il dottor Giuseppe Mele ha sottolineato come la federazione dei pediatri italiani si impegni costantemente a tenere sotto osservazione la tendenza di quei siti web che consigliano agli adolescenti come vestirsi, cosa indossare, al solo fine di apparire, mentre a bambine dell’età di soli 9 anni si rivolgono con precise istruzioni su come truccarsi in un determinato modo.

Quali sono le conseguenze dei comportamenti e delle strategia attuate da una società e da alcuni dei mezzi di comunicazione principali, che sembrano desiderare che bambini e bambine crescano troppo in fretta? Per quanto riguarda il boom dell’utilizzo di cosmetici in età pediatrica, è stato registrato un incremento dei rischi per la pelle pari al 16,7% nella fascia di età compresa tra gli 8 ed i 12 anni, e dunque con riferimento a bambine che frequentano ancora le scuole elementari o a preadolescenti che hanno appena iniziato le scuole medie.

Come nel caso degli adulti, gli stessi bambini e bambine appaiono precocemente attirati dal luccichio del mondo della moda e del make-up grazie al potere del marketing, che mentre in passato si rivolgeva ai genitori, ora bersaglia senza remore i più piccoli. Conclude Giuseppe Mele: “I minori stanno diventando nuovi oggetti del marketing. Se prima i messaggi pubblicitari si rivolgevano solo indirettamente ai piccoli, facendo leva sulle madri, ora invece i bambini diventano mercato diretto. Un fenomeno da monitorare attentamente”.

Marta Albè

Leggi anche:

Usa: nuovi dubbi sulla sicurezza dei cosmetici coinvolgono prodotti in vendita anche in Italia

Cosmetici biologici: perché sceglierli e come difendersi da quelli ingannevoli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook