@Spukkato/123rf

Ti è avanzata la crema solare? I trucchi per conservarla correttamente e utilizzarla l’anno prossimo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La crema solare è uno dei prodotti essenziali dell’estate. Spesso, però, non si riesce a consumare l’intero prodotto e allora cosa fare? E’ meglio gettare oppure conservare la crema solare per l’anno prossimo? 

Tutti i prodotti per la cura della persona hanno una scadenza, e utilizzare una crema solare scaduta o rovinata può causare gravi danni alla pelle e, considerando che il cancro della pelle è uno di questi, è importante utilizzare la protezione solare in modo responsabile.

Se conservata in modo corretto, questi prodotti possono essere consumati anche l’anno seguente in modo sicuro. 

Quanto durano le creme solari?

Le creme solari mantengono la loro piena forza per circa tre anni, anche se sono già state aperte, purché siano conservate in modo corretto e a temperatura ambiente.

Se la tua crema solare è scaduta, se la texture è acquosa e il colore tende al marrone scuro, è bene non utilizzarla perché probabilmente il prodotto all’interno si è ossidato e i filtri UV, ormai scaduti, non sono più in grado di creare un film protettivo uniforme sulla pelle. (Leggi anche: Come gli ingredienti delle creme solari stanno diventando letali per gli organismi di acqua dolce (e per gli interi ecosistemi)

Il modo migliore per conservare la protezione solare

Come con quasi tutti i prodotti di bellezza, occorre conservare la crema solare lontano dalla luce diretta del sole e in un luogo fresco e asciutto. Evita di esporla vicino a fonti di calore o al sole. Se porti la tua SPF in spiaggia o in piscina, riponila sempre nella borsa o in una zona d’ombra. Ultima cosa, ricorda di tenere la crema solare lontana da luoghi umidi, come il bagno. (Leggi anche: Creme solari: i filtri contengono sostanze pericolose. I tre prodotti peggiori e i migliori)

Il modo migliore per smaltire la protezione solare

Smaltire e riciclare le creme solari dipende da dove si vive, poiché ogni città ha regole di riciclaggio leggermente diverse e ogni marchio utilizza materiali di imballaggio differenti. Alcuni componenti della confezione possono essere facilmente riciclati, mentre potrebbero esserci altri pezzi, come ad esempio i tappi, non riciclabili. 

Per quanto riguarda l’interno del prodotto, ossia la crema vera e propria, questa non va smaltita nello scarico del WC perché gli ingredienti andranno nell’impianto di trattamento delle acque reflue e nei corsi d’acqua locali, e possono danneggiare la vita acquatica. Uno studio ha anche dimostrato come questi possono compromettere la vita della barriera corallina.

La cosa migliore è gettare il prodotto avanzato nel cestino dell’indifferenziato, anche se la soluzione ideale, sia per l’ambiente sia per ridurre gli sprechi, è cercare di usare sempre tutta la crema presente nel barattolo.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sulle creme solari ti potrebbe interessare: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook