©defotoberg/Shutterstock

Creme solari, Inci: a cosa fare attenzione in etichetta per scegliere le più efficaci e sicure

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sta arrivando l’estate ed è probabile che avremmo bisogno di acquistare una crema solare per noi e i nostri bambini. La scelta è molto ampia ma leggendo attentamente l’etichetta abbiamo l’opportunità di poter individuare un buon prodotto che non contenga filtri solari controversi o altri ingredienti potenzialmente pericolosi.

Scegliere le creme solari non è sempre semplice dato che ne esistono di marche, tipologie e prezzi molto differenti. Questi prodotti assicurano una protezione bassa, media o alta (indicata da un numero), possono essere eco-bio oppure tradizionali, destinati ad adulti o bambini e contenere una lista di ingredienti più o meno lunga e “pulita”.

Ma come orientarci? Anche stavolta ci viene in aiuto l’etichetta dove troviamo nel dettaglio tutti gli ingredienti presenti nella composizione della crema solare che abbiamo individuato.

Ad aiutarci a leggerla, soffermandoci su poche cose ma importanti, ci viene in aiuto l’Environmental Working Group (EWG) che ha recentemente stilato la sua guida annuale sulle creme e altri prodotti solari. Leggi anche: Creme solari, la lista delle più efficaci e sicure per adulti e bambini (e gli ingredienti pericolosi da evitare) 

Ingredienti e prodotti da evitare

Evitiamo di acquistare creme solari che contengono i seguenti ingredienti:

Altri consigli utili sono:

  • evitare gli spray solari (per il rischio inalazione) 
  • evitare protezioni solari in polvere (per il rischio inalazione)
  • evitare protezioni solari +50 in quanto, a detta degli esperti, potrebbero farci erroneamente pensare di poter rimanere al sole anche nelle ore più calde, sicuri che la protezione sia sufficiente a lungo quando non è così.

Proprio il test dell’EWG ha scoperto tra l’altro che i valori SPF (ossia di protezione) dei prodotti solari sono significativamente inferiori a quelli riportati in etichetta.  

Gli ingredienti e i prodotti da prediligere

Per quanto riguarda i filtri solari, a detta dell’EWG, è meglio prediligere quelli minerali come ossido di zinco e biossido di titanio, quest’ultimo classificato come possibile cancerogeno per l’uomo dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ma solo se inalato. Per questo motivo, le formulazioni in polvere o spray contenenti biossido di titanio sono assolutamente sconsigliate così come quelle a base di ossido di zinco che presentano lo stesso problema.

Gli esperti dell’EWG ci consigliano dunque di scegliere:

  • solari in crema
  • prodotti ad ampio spettro di protezione
  • prodotti resistenti all’acqua
  • prodotti con grado di protezione tra i 15 e 50

Se potete, orientate l’acquisto su un prodotto eco-bio che tenga conto di tutte le caratteristiche sopraelencate.

Fonte: EWG

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook