Creme dopo sole a confronto, bocciate Bilboa e Garnier perché contengono troppi ingredienti controversi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come scegliere un buon dopo sole? È importante sapere leggere l’Inci dei prodotti così da scartare quelli che contengono troppi ingredienti controversi.

Abbiamo parlato tante volte delle creme solari e dei test che vengono effettuati ogni anno per capire se sono efficaci e sicure, confrontando diversi marchi. Ci si concentra invece meno spesso sui dopo sole, prodotti che vengono utilizzati subito dopo l’esposizione e l’utilizzo delle creme protettive.

A confrontare 7 prodotti dopo sole presenti sul mercato italiano è stato Il Salvagente che ha analizzato l’Inci di ciascuna confezione, sottolineando la presenza di ingredienti controversi (secondo le più recenti indicazioni della comunità scientifica) ed emettendo alla fine un giudizio sintetico su quel determinato prodotto.

I dopo sole valutati sono:

  • BILBOA DOPOSOLE SUPERBRONZE
  • SEYSOL PERFEZIONE SOLARE GEL DOPOSOLE ILLUMINANTE
  • PREP DERMOPROTETTIVO DOPOSOLE RINFRESCANTE LENITIVO
  • GEOMAR BIO LATTE DOPOSOLE
  • NIVEA DOPOSOLE HYDRATE
  • NIVEA DOPOSOLE SENSITIVE
  • GARNIER AMBRE SOLAIRE DOPO SOLE

I risultati del confronto tra dopo sole

Secondo Il Salvagente, tra i dopo sole presi a campione, il primo posto merita il prodotto Geomar che contiene quasi tutti ingredienti di origine naturale e per questo si guadagna un “ottimo”. L’unico ingrediente controverso presente in questo latte dopo sole è il benzyl alcohol, utilizzato come conservante, antimicrobico e solvente. Si tratta di uno dei pochissimi conservanti concessi nei prodotti eco-bio.

geomar

Di qualità media sono risultati invece:

  • PREP DERMOPROTETTIVO DOPOSOLE RINFRESCANTE LENITIVO  che presenta diversi ingredienti controversi: il Fenossietanolo, conservante antimicrobico che serve ad inibire lo sviluppo di microrganismi ma, di contro, è sensibilizzante e irritante (vi è quindi il rischio di trovarsi alle prese con orticaria e dermatite). Può creare anche problemi seri agli occhi e irritare le vie respiratorie.  Vi è poi il già citato benzyl alcohol (conservante).
  • NIVEA DOPOSOLE SENSITIVE: contiene Fenossietanolo(conservante vedi sopra) e linalool, citral. Quest’ultime sono sostanze allergizzanti inserite in un elenco di 26 ingredienti stilato dall’Unione Europea.

Mediocre ottiene invece il NIVEA DOPOSOLE HYDRATE che oltre a Fenossietanolo, linalool, citral contiene anche dimethicone, un silicone che crea una patina sulla pelle.

I peggiori, “scarsi” secondo il giudizio de Il Salvagente, sono risultati 3 prodotti che contengono nella loro composizione davvero troppi ingredienti controversi:

BILBOA DOPOSOLE SUPERBRONZE

Contiene Cyclopentasiloxane (D5), polimero della famiglia dei siliconi, utilizzato per la morbidezza ma possibile interferente endocrino e possibile cancerogeno oltre che inquinante; Disodium Edta, un ingrediente “cattura” sostanze come magnesio e calcio, è nocivo per l’ambiente e, secondo alcuni studi, può causare irritazioni oculari ed eczema; Butylhydroxytoluene (BHT), un conservante antiossidante accusato di essere interferente endocrino; Dmdm Hydantoin, conservante antimicrobico che rilascia piccole quantità di formaldeide;  linalool, citral, eugenol, geranoil e altre sostanze allergizzanti; Benzyl Salicylate, usato come filtro Uv e nella composizione dei profumi, inquina ed è accusato di essere un interferente endocrino; Butylphenyl Methylpropional (lilial), maschera gli odori sgradevoli, sospetto interferente endocrino e  allergizzante.

SEYSOL PERFEZIONE SOLARE GEL DOPOSOLE ILLUMINANTE

Contiene Cyclopentasiloxane (D5), Cyclohexasiloxane (D6), polimero della famiglia dei siliconi usato per la sua morbidezza, presenta il problema dell’accumulo in ambienti acquatici ed è considerato dal REACH (Regolamento europeo 1907/2006 per la registrazione, la valutazione e l’autorizzazione delle sostanze chimiche) potenzialmente tossico;  CI 77891 (biossido di titanio) usato come colorante bianco da non confondere con lo stesso ingrediente di nanoparticelle; Methylparaben, ethylparaben, propylparaben, butylparabe, tutti parabeni accusati di interferire con il sistema ormonale.

GARNIER AMBRE SOLAIRE DOPO SOLE

Contiene Disodium Edta; Butylhydroxytoluene (BHT), Dmdm Hydantoin; linalool, citral, eugenol, geranoil e altre sostanze allergizzanti; Benzyl Salicylate; Butylphenyl Methylpropional (lilial); paraffina liquida, ottenuta dal petrolio, inquinante e, secondo alcuni studi, può causare acne; oli minerali (sempre ottenuti dal petrolio), creano una pellicola sulla pelle; PEG, solventi che favoriscono l’assorbimento di sostanze estranee da parte della pelle; Fenossietanolo (vedi sopra), Methylparaben.

Questo è solo un esempio di quello che possiamo trovare sul mercato ma ricordiamoci che, anche se scegliamo altri prodotti dopo sole, leggendo l’Inci possiamo sempre capire come è fatta la composizione e valutare meglio quanto sia più o meno “pulita”.

Fonte: Il Salvagente

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook