Cosmetici più sicuri: nuove regole UE in vigore da luglio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosmetici più sicuri: sono finalmente in arrivo le nuove regole europee dedicate ai prodotti di bellezza e per l’igiene personale. Il nuovo regolamento era già stato presentato nel luglio del 2009 ed ora è pronto ad entrare in vigore a partire dal prossimo 11 luglio 2013. Esso prevede una maggiore tutela dei consumatori dalle reazioni avverse che i cosmetici comunemente in vendita possono scatenare.

Allergie e dermatiti sono tra i problemi maggiori causati da parte dei cosmetici. Le reazioni avverse sono dovute alla presenza nella loro composizione di sostanze come profumi, coloranti e conservanti. I profumi possono essere formati da numerosi componenti, celati in etichetta dietro la dicitura “parfum”, tra i quali possono essere presenti degli allergeni in grado di causare fastidi nei soggetti più sensibili.

Secondo le stime più recenti dall’ 8 al 15% delle dermatiti da contatto sarebbe causato proprio dall’utilizzo dei cosmetici. Le dermatiti provocate dai cosmetici possono essere di natura irritativa o allergica. Almeno il 15% degli italiani avrebbe sperimentato questi spiacevoli fenomeni. Il nuovo regolamento europeo sui cosmetici, grazie a maggiori controlli, dovrebbe arginare il problema.

Quali sono i prodotti che rientrano nella categoria dei cosmetici? La lista è molto vasta e comprende tutto ciò che è possibile acquistare per la cura e per la detergenza della pelle, dal deodorante, alle creme per il viso e per il corpo, fino alle maschere di bellezza, ai saponi, al make-up e al comune docciaschiuma. Da non dimenticare, infine, i prodotti per la rasatura ed i solari.

I cambiamenti direttamente visibili da parte dei consumatori riguarderanno le etichette dei cosmetici. Su ognuna di esse saranno indicate, nella lingua del Paese europeo in cui il prodotto verrà venduto, le informazioni principali riguardanti produttore, ingredienti e precauzioni d’uso. Non tutti sono a conoscenza del fatto che nei cosmetici possano essere presenti dei nano-materiali. Si tratta di particelle dalle dimensioni ridotte che possono trovarsi in conservanti o coloranti. La loro presenza dovrà essere indicata in etichetta.

La tutela dei consumatori sarà incentivata grazie al dettagliato rapporto sulla sicurezza che dovrà accompagnare ogni prodotto e che dovrà tenere in considerazione i profili tossicologici delle sostanze che lo compongono, i dati riguardanti le materie prime impiegate nella sua produzione, gli studi scientifici relativi all’esposizione al cosmetico e informazioni sulla tipologia del packaging.

Per ogni cosmetico vi sarà inoltre un vero e proprio obbligo di tracciabilità, che riguarderà tutti i Paesi dell’Unione Europea. Si tratta di una misura che permetterà di monitorare con più attenzione l’intera filiera produttiva, dalla produzione alla distribuzione. Grazie al nuovo sistema di controllo, sarà possibile individuare immediatamente il lotto di appartenenza di un cosmetico che abbia provocato reazioni avverse. Il prodotto potrà dunque essere ritirato fin da subito da tutto il mercato europeo oppure adattato e migliorato per renderlo conforme alle norme di sicurezza.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook