Ceretta araba al caramello: ricetta, dosi e vantaggi del miglior modo per depilarsi in casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In questo periodo in cui purtroppo la nostra estetista di fiducia non può prendersi cura di noi, può essere molto utile imparare a preparare la ceretta araba al caramelli per depilarsi a casa: vediamo la ricetta, le dosi e i vantaggi di questo modo naturale per eliminare i peli superflui.

Cos’è quali vantaggi ha la ceretta araba al caramello

La ceretta araba al caramello è un sistema naturale ed ecologico per eliminare i peli superflui in modo economico utilizzato da tempo, anche in alcuni centri estetici.
Conosciuta anche come ceretta allo zucchero o sugaring, la ceretta araba si prepara con zucchero e limone, due semplici ingredienti facilmente reperibili a basso costo.

Questo metodo di epilazione consente un notevole risparmio sulla ceretta tradizionale e ha anche il vantaggio di essere meno doloroso e più delicato rispetto ad altri tipi di depilazione. Sebbene la ceretta araba elimini il pelo alla radice rispetto ad altri tipi di depilazione poiché permette di strappare i peli superflui senza aderire alla pelle: questo comporta una minore sensazione di dolore e diminuisce anche il rischio di capillari visibili, irritazioni ed escoriazioni.
Inoltre, utilizzando zucchero e limone per depilarsi, si riduce la comparsa di foruncoli , fenomeno noto come follicolite.

La ceretta araba al caramello si prepara in pochi minuti, può essere conservata per un lungo periodo e può essere utilizzata per eliminare i peli superflui da qualsiasi parte del corpo e del viso, quindi su gambe, inguine, braccia e baffetti.

Ceretta araba al caramello: ricetta e dosi per farla in casa

Per preparare la ceretta araba al caramello bastano due soli ingredienti e un po’ di pazienza.

Ingredienti:

  • Una tazza di zucchero
  • Mezza tazza di succo di limone

Procedimento:

Sciogliete lo zucchero nel succo di limone in un pentolino a fuoco basso. Quando il composto è liquido, lasciate sul fuoco per circa 20 minuti, finché non scurisce leggermente diventando di un colore ambrato simile al miele, evitando che imbrunisca in modo eccessivo.

Dopodiché versate il composto in un contenitore in vetro resistente al calore, basso e con l’imboccatura larga e lasciate raffreddare per 24 ore prima di utilizzare la ceretta.

Trascorse 24 ore il composto deve essere morbido, non eccessivamente liquido e nemmeno vetrificato.

Se la ceretta è troppo liquida è possibile che abbiate usato troppo limone; al contrario, potrebbe servire più limone se appare dura. Anche il tempo di cottura è fondamentale: se non vi riesce al primo tentativo, non demordete e riprovate.

Come utilizzare la ceretta araba al caramello

Prima di utilizzare la ceretta araba, occorre riscaldare leggermente il composto a bagnomaria o al microonde, facendo attenzione a non esagerare, per evitare di scottarsi.

Riscaldando la ceretta, questa si ammorbidirà e sarà possibile utilizzarla in due modi per depilarsi. Se la consistenza lo consente, si preleva una pallina di prodotto e la si utilizza direttamente sulla pelle, stendendola con le mani e strappando nel senso opposto ai peli. Questa procedura funziona se la ceretta araba ha una consistenza simile alla pasta modellabile.

Se invece il composto è un più liquido, si dovranno usare strisce in cotone, anche riutilizzabili: stendete il prodotto sulla pelle, applicate la striscia di tessuto e tirate, sempre contropelo.

In ogni caso, i movimenti devono essere rapidi, perché raffreddandosi la ceretta allo zucchero perde la capacità di strappare i peli.

Dopo aver terminato il lavoro, eventuali residui sulla pelle possono essere eliminati con acqua tiepida sotto la doccia. Allo stesso modo, la ceretta rimasta sulle strisce di cotone si rimuove in modo semplice lavando il tessuto in acqua calda.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook