cosmetici_bambiniUndicesimo comandamento: non risparmiamo quando si tratta di bambini. Cosmetici di scarsa qualità e a basso prezzo, prodotti in Cina e commercializzati da una multinazionale tedesca (con sede a Wiesbaden), si sono rivelati tossici ad un'indagine dei NAS, ordinata del procuratore vicario di Torino, Raffaele Guariniello. L'indagine è stata avviata in seguito ad una segnalazione di una signora che al momento dell'acquisto di un rossetto per la figlia, si era allarmata per i prezzi ritenuti eccessivamente bassi.

I controlli sono stati affidati all'ARPA (Agenzia per l'ambiente della Regione Piemonte) che rilevato come i cosmetici contenessero grandi quantità di nichel e cromo, in grado di provocare forti dermatiti e allergie. Ulteriori analisi dell'Istituto Superiore di Sanità, hanno inoltre riscontrato tracce di contaminazione microbiologica.

Le indagini dei NAS hanno invece riscontrato mancanze sulle norme nell'etichettatura, e la mancata segnalazione dell'importazione dei cosmetici in questione al Ministero della Salute. La multinazionale tedesca ha prodotto ulteriori test sui prodotti che dimostrerebbero risultati diversi, ma il sequestro è stato comunque disposto ed i cosmetici non sono attualmente in commercio.


maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram