Johnson & Johnson,

Johnson & Johnson, ancora una condanna, ancora un mega-risarcimento milionario. È accaduto in California dove una donna di 68 anni ha ottenuto oltre 25 milioni di dollari per aver sviluppato il mesotelioma pleurico dopo aver usato il borotalco della società.

I giudici della Suprema Corte di Los Angeles hanno condannato ancora una volta Johnson & Johnson, accusandola di essere negligente e di non aveva avvertito i consumatori sui possibili rischi per la salute derivanti dal suo borotalco. Quest'ultimo infatti secondo i giudici contiene amianto e può provocare tumori.

Secondo lo studio legale che ha vinto il caso contro J&J, quest'ultima avrebbe dovuto avvertire le persone della contaminazione del borotalco.

Così, ieri la giuria ha assegnato 4 milioni di dollari di danni punitivi a Joanne Anderson, secondo cui il suo cancro mortale era legato all'amianto del borotalco, usato a lungo. Il giorno prima, i giudici avevano stabilito anche che Johnson & Johnson avrebbe dovuto pagare alla signora 21,7 milioni di dollari, perché il borotalco è per il 67% responsabile del suo mesotelioma.

La donna, originaria dell'Oregon, ha detto di aver utilizzato il borotalco nelle scarpe e sulle mani per anni. Lo ha anche usato quando i suoi figli erano più piccoli. Gli esperti in tribunale hanno stimato che lo abbia usato più di 10.000 volte.

I medici hanno diagnosticato ad Anderson un mesotelioma pleurico, un tumore che si sviluppa nel rivestimento dei polmoni ed è spesso legato all'esposizione all'amianto.

J & J si è strenuamente difesa, sostenendo che il suo prodotto non ha mai presentato tracce di amianto. Inoltre, la società ha respinto qualsiasi legame tra i suoi prodotti e il cancro ovarico. Per questo, prevede di ricorre in appello. Non si tratta del primo caso, anzi. Sono tantissimi i risarcimenti già sborsati a favore di chi, purtroppo, si è ammalato a causa dell'utilizzo del borotalco, considerato cancerogeno.

La società si trova a far fronte fronte a migliaia di cause che accusano il prodotto di favorire la comparsa del cancro, principalmente ovarico, ma con un numero crescente di persone che lamentano il mesotelioma.

La richiesta della giuria è stata illustrata dagli avvocati della signora Anderson.

“La giuria ha capito che J & J sapeva del pericolo dell'amianto nel suo borotalco in polvere e ha scelto di non fare nulla”, ha detto l'avvocato David Greenstone.

Dopo il verdetto, i giurati fuori dall'aula hanno citato un documento aziendale del 1969 relativo al " project code 101", in cui i medici di J & J mettevano in guardia contro il rischio di asbesto nel borotalco. Un giurato che ha chiesto di non essere identificato ha dichiarato che le prove hanno dimostrato che J & J sapeva di avere quel problema già nel 1969 ma ha continuato a commercializzare il borotalco.

Si iniziano a pagare le conseguenze dell'uso di prodotti cancerogeni sulla nostra pelle.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram