Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Spesso vi consigliamo di acquistare frutta e verdura dal contadino in modo da mettere in tavola prodotti di qualità, davvero freschi e a km0. In realtà è possibile fare una spesa etica anche al supermercato, basta saper scegliere con cura cosa si acquista, prestando attenzione ad alcune caratteristiche di frutta e verdura e alle indicazioni riportate in etichetta.

Quando facciamo la spesa, può capitare che per comodità acquistiamo tutto ciò che ci serve al supermercato, evitando poi di recarci in altri punti vendita o al mercato per la frutta e la verdura. Il luogo comune vuole che nella grande distribuzione sia praticamente impossibile trovare prodotti agricoli di qualità ed etici. In realtà questo non è sempre vero.

Pensiamo ad esempio a Coop, da sempre attenta alla sostenibilità ambientale: promuove da quasi trent’anni l’adozione di tecnologie agricole tra i suoi fornitori per ridurre l’uso di pesticidi, incentivando l’agricoltura di precisione già diffusa sulle coltivazioni a pieno campo, ma meno nel settore ortofrutticolo.

Coop richiede ai propri fornitori residui chimici molto inferiori ai limiti di legge e, per alcuni prodotti della linea Origine Coop, tra cui ciliegie, meloni, uva e clementine, ha eliminato completamente quattro pesticidi molto controversi, tra cui il glifosato, con l’obiettivo di estendere le nuove tecniche agroalimentari che permettono di evitare l’uso di questi fitofarmaci, anche ad altre colture. Un impegno costante e a lungo termine, dato che è previsto, entro 3 anni, che tutte le famiglie di prodotti ortofrutticoli a marchio Coop vengano prodotte senza l’utilizzo di questi pesticidi.

Ma se vogliamo acquistare frutta e verdura al supermercato a cosa dobbiamo prestare attenzione?

Provenienza

Quando possibile, dovremmo prediligere l’acquisto di frutta e verdura italiana che compiono viaggi brevi, con conseguente risparmio di emissioni di CO2. Coop sostiene i produttori italiani, a parità di qualità e sostenibilità economica, ma quando necessario (non sempre è possibile produrre in Italia per diversi motivi, pensiamo ad esempio alle banane) si affida a coltivatori esteri selezionati e sempre con una filiera tracciabile al 100%.

Prezzo

Spesso allettati dall’idea del risparmio, acquistiamo frutta e verdura a basso costo non preoccupandoci di valutare bene le altre caratteristiche dei prodotti agricoli. La provenienza, come abbiamo già detto, ma anche i trattamenti che riceve (pensiamo ad esempio agli agrumi che nella maggior parte dei casi hanno la buccia non edibile), ecc.  Non fermiamoci quindi solo al prezzo, per fare una spesa consapevole bisogna saper valutare tutte le caratteristiche del prodotto ed essere disposti a pagare il giusto per quello che scegliamo di acquistare.

Ciò non significa però che dobbiamo pagare cifre spropositate, si può risparmiare scegliendo contemporaneamente la qualità. Coop ogni giorno garantisce prezzi bassi sulla frutta e verdura di stagione.

Stagionalità

Non dimentichiamoci che è sempre bene acquistare prodotti di stagione, non solo perché sono più gustosi e saporiti ma anche perché, altrimenti, frutta e verdura saranno cresciute in serra e magari poi conservate a lungo in celle frigorifere. Scegliere di stagione, consente anche di risparmiare: i prodotti al di fuori del loro periodo di sviluppo naturale sono infatti generalmente più costosi.

Seguire la stagionalità, inoltre, consente di variare al meglio l’alimentazione nel corso dell’anno, seguendo i ritmi della natura e facendoci gustare, ad esempio, dei succosi pomodori o delle dolci pesche in estate, aspettando invece l’inverno per sorseggiare una bella spremuta di arance rosse o mandarini.

Riacquistare il concetto di stagionalità dei cibi e tornare a comprare solo quelli naturalmente disponibili in un determinato periodo, permette, quindi, di risparmiare sul consumo energetico per il riscaldamento delle serre. Oltre che sull’energia necessaria per la loro conservazione nel caso si tratti di prodotti colti e messi poi a maturare in grandi celle frigorifere o del loro trasporto nel momento in cui provengono da altri Paesi.

Filiera

Altro aspetto da non trascurare è la tracciabilità della filiera del singolo prodotto, ossia la possibilità da parte del distributore di sapere sempre chi ha coltivato, raccolto, conservato e trasportato quella specifica confezione di frutta o verdura. Questo è possibile grazie al lotto indicato in etichetta.

I prodotti ortofrutticoli Origine Coop si fanno notare in questo senso, in quanto garantiscono ai consumatori la massima trasparenza riguardo tutti i passaggi che attraversano prima di arrivare sulle loro tavole (dal campo alla vendita).

Diritti dei lavoratori

coop

Anche su questo aspetto Coop è un passo avanti ad altri. I suoi fornitori aderiscono infatti ad un codice etico che contempla impegni sui diritti dei lavoratori basati sui principi dello standard SA 8000 e dell’ILO (Organizzazione internazionale del lavoro). Effettua inoltre verifiche e controlli per accertarsi che le condizioni vengano rispettate e dunque presta la massima attenzione verso i diritti dei lavoratori.

In conclusione, è possibile prediligere l’acquisto di prodotti “Buoni e Giusti”, questo è non a caso il nome scelto per la campagna Coop volta a promuovere l’eticità delle filiere produttive, in particolare proprio quelle di frutta e verdura, che ha coinvolto più di 800 fornitori di ortofrutta nazionali e locali.

Abbiamo quindi l’opportunità di acquistare, anche al supermercato, frutta fresca, di stagione, di qualità ma contemporaneamente anche etica. Sfruttiamola!


Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook