@ SeaWave/123rf.com

Questo pigmento blu che si trova nel cavolo rosso può sostituire i coloranti chimici derivati dal petrolio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un pigmento blu tutto naturale, derivante dal cavolo rosso, potrebbe sostituire il colorante alimentare artificiale e rappresentare una vera rivoluzione negli ambiti più disparati, offrendo un’alternativa green ai coloranti attualmente in uso, che derivano dal petrolio.

Il blu, uno dei colori più popolari al mondo, in realtà è molto raro da trovare in natura – tanto che che gli scienziati si sono finora rassegnati a elaborare coloranti artificiali chimici per creare tutto il blu che vediamo, dai dolci alle bevande, dai medicinali ai prodotti cosmetici  e all’abbigliamento.

Questi coloranti sintetici, tipicamente derivanti dal petrolio, generano preoccupazione a causa del loro impatto sull’ambiente e sulla salute dell’uomo. Per questo motivo i ricercatori hanno cercato alternative che fossero il più possibile naturali e a scarso impatto ambientale.

Leggi: Coloranti naturali: come realizzare i vari colori a partire da ingredienti comuni

Ora, la lunga ricerca sembra essere giunta al termine. Pamela Denish, studentessa della UC Davis’ innovation institute for food and health, insieme ad alcuni colleghi, ha scoperto un pigmento blu simile al colorante alimentare artificiale usato per nei colori FCF o E1333 all’interno del cavolo rosso che promette di rivoluzionare l’industria alimentare – e non solo.

UC Davis

Secondo Rebecca Robbins del Wrigley Global Innovation Center, che ha partecipato allo studio, il motivo per cui il colore blu è così raro in natura risiede nelle complesse strutture molecolari necessarie per assorbire i raggi ultravioletti che danno il particolare aspetto blu agli oggetti. In altre parole, non esiste un vero e proprio pigmento blu in natura, tanto che piante e animali adottano “trucchetti di luce” per sembrare blu: ad esempio, se le ali della farfalla morfo blu fossero di una forma diversa, il loro tipico colore blu sparirebbe.

colorante naturale blu

@ advances.sciencemag.org

Questo pigmento blu naturale è un tipo di molecola antocianina (colorante idrosolubile) presente in piccole quantità nel cavolo rosso. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto un modo per creare in laboratorio ampie quantità di questo colorante partendo dalla molecola antocianina dominante, che è rossa, grazie all’aiuto di uno speciale enzima in grado di renderla blu.

Questo promettente colorante è ancora in fase di sperimentazione, ma presto verrò utilizzato nella produzione di cibo su larga scale. Trattandosi di un alimento presente nell’alimentazione dell’uomo da moltissimo tempo, è altamente improbabile che la sua assunzione comporti rischi per la nostra salute.

Fonte: UC Davis / ScienceAdvances

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook