Una “super sabbia” che purifica e rende potabile l’acqua

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una “super sabbia” i cui granelli sono stati rivestiti di ossido grafite, potrebbe risolvere i problemi di oltre un miliardo di persone che ancora non hanno accesso all’acqua potabile. Sarebbe in grado di purificare l’acqua con effetti 5 volte maggiori rispetto alla sabbia normale. È quanto emerge da uno studio condotto nel laboratorio di nanomateriali della Rice University del Texas .

Utilizzando questo nanomateriale, l’ossido di grafite, attraverso il quale è stata realizzata una copertura per ciascun granello di sabbia, i ricercatori sono riusciti a migliorare sensibilmente un metodo antico come quello della purificazione dell’acqua attraverso la sabbia, procedimento tuttora approvato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ma, mentre la sabbia normale arriva a saturazione dopo 10 minuti di filtraggio, I “super-granelli” ricoperti di ossido di grafite, oltre a quintuplicarne le capacità, sono in grado di depurare l’acqua in modo efficace fino a 50 minuti, purificandola dalle molecole di mercurio e di colorante.

Dopo essere riusciti a formare attorno a ciascun granello un involucro, che a sua volta risulta avere caratteristiche idrofile fuori ed idrofobiche nella parte interna, i ricercatori hanno aumentato la capacità di catturare le sostanze contaminanti dell’acqua grazie a speciali molecole chiamate tioli. Una volta modificati i granelli, si è passati ai test su una soluzione contenente mercurio (400 parti per milione) e una contenente un colorante usato in biologia, la Rodamina B (10 parti per milione). È stato così possibile scoprite che le proprietà della supersabbia sono incomparabilmente superiori a quelle dei soli granelli.

Ma non è che il primo passo: usando diverse molecole, gli esperti di nanotecnologie sperano ora di riuscire a ingegnerizzare altri ripi di “super-sabbia” per specifici contaminanti, come l’arsenico e il tricloroetilene.

Roberta Ragni

Qui lo studio in pdf

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook