Ooho! L’imballaggio per l’acqua trasparente e commestibile è in commercio (VIDEO)

Ricordate Ooho!? Ve ne avevamo parlato qualche anno fa: si tratta di una bottiglia d’acqua commestibile a forma di sfera. Adesso, il prodotto ha ottenuto la prima licenza commerciale.

Nel corso degli ultimi sei mesi, lo Skipping Rocks Lab ha testato questa particolare sfera d’acqua nei propri laboratori di Londra e proprio in questi giorni è arrivato il via libera per la commercializzazione.

A guardarlo sembra un palloncino trasparente, una bolla d’acqua che si tiene nel palmo di una mano. Sembra un’invenzione proveniente dal futuro ma è parte del presente e promette, con la sua capillare diffusione, di ridurre l’inquinamento prodotto dalla plastica.

Sappiamo infatti che le bottiglie attualmente in uso sono molto inquinanti, spesso finiscono in mare e lì restano a vagare per anni e anni. Un utilizzo che dura pochi minuti ma che paghiamo a lungo.

Con Ooho! invece potremmo bere senza produrre rifiuti. La quantità d’acqua contenuta in questa sfera commestibile fatta di alghe è infatti quella che serve per dissetarsi, più o meno come faremmo con un bicchiere d’acqua da 250 ml.

“Ooho! è un imballaggio, un’alternativa sostenibile alle bottiglie e bicchieri di plastica, a base di un estratto di alghe marine. È del tutto biodegradabile e così naturale che si può effettivamente mangiare!” si legge sul sito ufficiale. “I nostri imballaggi sono più convenienti della plastica e possono incapsulare qualsiasi bevanda: acqua, bibite, liquori”.

immagine

Ooho! L’imballaggio trasparente e commestibile, i vantaggi

  • È ottenuta al 100% da alghe
  • È biodegradabile entro 4-6 settimane
  • È commestibile, con la possibilità di aggiungere sapori e colori
  • È sempre fresca (durante i pochi giorni di vita)
  • Contiene 5 volte meno anidride carbonica in meno rispetto al PET e richiede 9 volte meno energia
  • È più economica rispetto alla plastica (PET)

LEGGI anche: OOHO!, LA BOTTIGLIA D’ACQUA COMMESTIBILE E BIODEGRADABILE ISPIRATA ALL’UOVO

Negli ultimi due anni il tempo ha sviluppato le tecnologie per la produzione, per le quali ha recentemente depositato una domanda di brevetto.

“Vogliamo risolvere il problema dei rifiuti di plastica e ridurre l’impatto degli imballaggi sul clima” assicurano.

L’iniziativa ha già raccolto quasi 1 milione di euro di donazioni.

Cambierà davvero il nostro modo di bere?

Francesca Mancuso

Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

Sorgente Natura

I prodotti che non dovrebbero mai mancare in una lista nascita green

Seguici su Instagram
seguici su Facebook